/ Sanità

Sanità | 29 novembre 2022, 16:08

Pronto soccorso di Ciriè, Icardi: "Banditi nuovi concorsi per il personale"

"La struttura, grazie al prezioso contributo degli specialisti dell'ospedale e alle azioni messe in campo dalla Regione, sta registrando un miglioramento delle proprie performance"

Pronto soccorso di Ciriè, Icardi: "Banditi nuovi concorsi per il personale"

"La carenza di medici nei Pronto soccorso è assodata a livello nazionale. Per quanto riguarda nello specifico l’ospedale di Ciriè, negli ultimi 18 mesi è stata istituita la struttura complessa DEA (Dipartimento di emergenza e accettazione), in cui opera da aprile un nuovo direttore. Sono stati banditi tre concorsi, l’ultimo dei quali in questi giorni, a cui si aggiungono altri concorsi banditi per assumere medici di specialità equipollente e, quindi, impiegabili in pronto soccorso, in particolare specialisti in chirurgia generale medicina interna". Così l’assessore alla Sanità del Piemonte, Luigi Genesio Icardi, in risposta ad un’interrogazione sulle azioni per dotare il Dea di Ciriè di un numero adeguato di medici.

"La Regione – continua Icardi - ha autorizzato il pagamento di cento euro all’ora per gli specialisti che prestano servizio da altre Asl nei Pronto soccorso regionali ed è stata aggiudicata una gara ad evidenza pubblica per garantire, attraverso l’impiego di una società di servizi esterna, la continuità del servizio. Grazie a queste azioni e al prezioso contributo degli altri specialisti dell’ospedale, che effettuano turni in pronto soccorso, il Dea di Ciriè sta registrando, nonostante le difficoltà, un miglioramento delle proprie performance".

"La gravità delle condizioni del reparto di emergenza e urgenza dell'ospedale di Ciriè e di altri ospedali piemontesi impone alla Regione e al Governo di assumere alcune misure urgenti: non solo inserire gli specializzandi, ma anche migliorare la programmazione universitaria delle borse di specializzazione, predisporre percorsi di post acuzie per liberare posti letto ed evitare intasamento dei pronto soccorso e ricoveri inappropriati, riconoscere il carattere di lavoro usurante per la professione del medico di emergenza e prevedere incentivi per questi specifici contratti, in particolare negli ospedali periferici o a maggior flusso", hanno sottolineato Monica Canalis e Federico Ferrara (Pd).

"In merito al Question Time discusso oggi in Consiglio Regionale, accogliamo quindi con favore la risposta dell’assessore Icardi. Siamo invece critici rispetto alla recente aggiudicazione di una gara ad evidenza pubblica per garantire, attraverso l’impiego di società di servizi esterna, la continuità del servizio. Pur consapevoli delle difficoltà generali di reperimento di medici per gli ospedali periferici, crediamo infatti nell’importanza di difendere la natura pubblica e universalistica della nostra sanità, oggi così minacciata dai tentativi di privatizzazione operati. L’ospedale di Ciriè è punto di riferimento per un ampio territorio connotato da perifericità e orografia montana, comprendendo sia il ciriacese sia le Valli di Lanzo. Continueremo ad insistere sulla sua salvaguardia".

comunicato stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium