/ Attualità

Attualità | 16 maggio 2022, 17:30

Inizia al Salone di Torino il conto alla rovescia per Ivrea Capitale italiana del libro 2022

Tanti gli appuntamenti in programma, a partire da giovedì 19 maggio

foto d'archivio

Inizia al Salone di Torino il conto alla rovescia per Ivrea Capitale italiana del libro 2022

Inizia al Salone internazionale del libro di Torino il conto alla rovescia per Ivrea Capitale italiana del libro 2022, che prenderà il via ufficialmente a metà giugno.

Giovedì 19 maggio alle 16 in Sala Lisbona (Centro Congressi) si terrà l’incontro Leggere al futuro, promosso dal Cepell – Centro per il libro e la lettura e dal Ministero della cultura, un momento per discutere del ruolo centrale delle Capitali del libro nella valorizzazione della lettura, immaginando il libro come elemento fondamentale del sistema sociale, culturale e politico del nostro Paese. Con Stefano Sertoli (sindaco di Ivrea), Costanza Casali (assessore alla cultura di Ivrea) e Paolo Verri (coordinatore di Ivrea 2022) interverranno Paola Passarelli (direttore generale Biblioteche e Diritto d’autore), Marino Sinibaldi (presidente del Centro per il libro e la lettura), Angelo Piero Cappello (direttore del Centro per il libro e la lettura), Maria Limardo (sindaco di Vibo Valentia, capitale del libro 2021) e Massimo Vizzardi (sindaco di Chiari). Il confronto sarà il punto di partenza per la costruzione del Manifesto per il futuro del libro, obiettivo finale del percorso di Ivrea 2022.

L’appuntamento segnerà anche il passaggio di consegne tra Vibo Valentia e Ivrea.

A seguire, alle 17, è prevista l’inaugurazione dello stand di Ivrea 2022 Capitale italiana del libro (Oval, T90). Durante i giorni del Salone lo stand raccoglierà le proposte del pubblico: tutti potranno proporre un’idea su come promuovere la lettura scrivendola sui foglietti messi a disposizione e appiccicarla sulla parete. Tutte le proposte raccolte saranno la base di riflessione per il Manifesto del libro e della lettura.

Nello stand si potranno inoltre esprimere le proprie preferenze sui libri più importanti degli ultimi anni che, insieme ai venti titoli più significativi degli ultimi 100 anni, costituiranno una bibliografia essenziale per tutti coloro che vogliono avvicinarsi alla lettura.

Nello stand sarà presente anche un foto corner in cui scattare un selfie davanti alla già iconica I simbolo di Ivrea Capitale italiana del libro, ispirata alla leggendaria macchina da scrivere Olivetti Lettera 22.

Ivrea è anche sede di due appuntamenti del programma di Salone OFF, entrambi a cura di Ivrea Capitale italiana del libro con il festival della lettura La grande invasione.

Domenica 22 maggio alle 21 al Teatro Giacosa di Ivrea si terrà l’incontro con Vinicio Capossela, autore di Eclissica (Feltrinelli), che dialogherà con Paolo Verri, curatore di Ivrea Capitale italiana del Libro. Si tratta dell’unico appuntamento pubblico di Capossela per il Salone del libro 2022.

Esclissica è un lunario, un abecedario, un diario di bordo, una narrazione del visibile e dell’invisibile. C’è un viaggio nell’opera di un autore, e un viaggio dell’autore nelle opere della vita. È un libro nato dall’oscuramento generale di una eclissi, che procede per lampi. In questo libro Vinicio Capossela si racconta: la vita e le opere, le canzoni, i concerti, la scrittura degli ultimi quindici anni, i lampi e le crepe che conducono alla creazione.

Il Salone OFF a Ivrea prosegue lunedì 23 maggio, alle 18, nella Chiesa dì Santa Marta, con la scrittrice californiana Jennifer Egan autrice de La casa di marzapane (Mondadori) che dialogherà con Gianmario Pilo, curatore del festival della lettura La grande invasione.

La casa di marzapane è senza ombra di dubbio il romanzo più atteso degli ultimi anni: una sorta di sequel del celebratissimo Il tempo è un bastardo, di cui riprende alcuni personaggi, alcuni punti della trama e la polifonicità ipnotica e meravigliosa degli stili. È un romanzo elettrizzante e commovente che ci parla di noi oggi, della ricerca di autenticità e significato in un mondo dove ricordi e identità non sono più privati e dove le nuove tecnologie aprono continuamente ulteriori, inquietanti scenari. Un libro selvaggiamente ambizioso per i temi che tratta e per il modo in cui li tratta.

Entrambi gli incontri sono a ingresso libero fino a esaurimento dei posti disponibili.

Dal Salone del Libro di Torino parte il conto alla rovescia per arrivare all’inaugurazione ufficiale della Capitale del Libro a giugno. Un viatico eccezionale. – sottolinea Stefano Sertoli, Sindaco di IvreaIvrea per quest’anno è il luogo in cui tutta Italia si confronta sul libro e la lettura, ma anche un punto di partenza per una riflessione più ampia che, a partire dalla cultura, guardi alla società, all’economia, al turismo”.

“Stiamo mettendo a punto un programma intenso che permetterà di valorizzare anche lo straordinario patrimonio di Ivrea – evidenzia l’Avv. Costanza Casali, Assessore alla cultura di Ivrea – Il nostro obiettivo è innescare un volano che crei ricadute su tutto il territorio eporediese, a partire dal sistema turistico. Penso al patrimonio Unesco così come all’anfiteatro morenico e al sistema dei laghi, per esempio”.

Paolo Verri, coordinatore del programma conclude “Ringrazio il Salone del libro per la straordinaria collaborazione che, tra l’altro, ci consentirà di distribuire in maniera capillare il primo questionario rivolto ai lettori che sarà alla base del Manifesto per il futuro del libro”.

comunicato stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium