ELEZIONI REGIONALI
 / Attualità

Attualità | 04 maggio 2024, 11:00

Clima impazzito a Torino? I dati dicono altro: dall'inizio del 2024 sono stati molti di più i giorni "troppo caldi"

Secondo le registrazioni dell'Arpa Piemonte, in tutta la regione ci sono stati picchi di freddo, ma la tendenza generale è al riscaldamento

grafico statistico

Le statistiche di Arpa sulle temperature massime da inizio 2024

Certo, l'inizio di maggio con cappello e guanti non era pronosticabile. Nessun torinese lo avrebbe mai detto. Ma c'è da tenere a freno quel retropensiero che in tanti stanno già alimentando, tra riscaldamenti riaccesi e qualche raffreddore: "Alla faccia del riscaldamento globale e della siccità".


[La tabella di Arpa Piemonte con le medie delle temperature da inizio 2024]

Già, perché come tutti i fenomeni (naturali e non), soltanto una visione dalla giusta distanza consente una lettura equilibrata. E se si vanno a vedere i dati scientifici, si scopre che siamo tutt'altro che alle prese con una "glaciazione".

La conferma dai dati di Arpa Piemonte

Basta andare a consultare i dati del sito di Arpa Piemonte, per scoprire come i tecnici dell'agenzia regionale mettano in guardia da questo tipo di interpretazioni sommarie. Se infatti non mancano i "picchi" di freddo, questi sono concentrati soprattutto nella seconda metà di aprile e in questi primi giorni di maggio. E si tratta di picchi anche piuttosto "appuntiti": in alcuni casi, infatti, non solo si immergono sotto-media, ma si spingono a sfiorare addirittura i record di freddo del periodo 1958-2023. Anche la fine di marzo e l'inizio di marzo hanno regalato qualche calo significativo, rispetto all'andamento medio.

A marzo chiuso l'inverno più caldo di sempre

Ma tutto questo non basta. Anche all'occhio più distratto non può sfuggire come, dall'inizio del 2024 a oggi, siano molte di più le situazioni in cui le temperature sono schizzate verso l'alto. Molto verso l'alto. E' ancora lo schema statistico di Arpa Piemonte a spiegare la situazione: tutto febbraio, ma anche buona parte di gennaio e marzo hanno regalato massime decisamente superiori alla media. Così come la parte centrale di marzo e la prima metà di aprile.

Purtroppo, però, la memoria e la percezione di ciascuno rischia di essere limitata. E di certo non "scientifica". Godiamoci la pioggia, intanto. Sperando che ponga un freno alla sete d'acqua futura.

Massimiliano Sciullo

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium