/ BuonGiro

BuonGiro | 17 maggio 2024, 08:00

È un gran bel Giro, Alaphilippe da applausi, chissà se ci fosse stato Van Aert

Una tappa bella da impazzire in cui c'è stato tutto. Lou Lou è tornato e vince dopo una fuga di 140 km

Photo credits: LaPresse

Photo credits: LaPresse

È un gran bel Giro. Come direbbe Paolo Belli. Forse uno dei più belli degli ultimi anni. E non perchè è presente il corridore più forte in circolazione.

Ma perchè nel gruppo si nota da parte di tutti la voglia di fare bene, al di là di una vittoria della Corsa Rosa pressochè scontata.

In tanti vogliono essere protagonisti e non mi vengono in mente squadre che si siano, ad oggi risparmiate. La tappa di ieri, la Martinsicuro-Fano, è stata bella da impazzire. Attaccone da lontano, da Civitanova Marche in poi via ad una serie di strappi e muri fino al Monte Giove con pendenze fino al 22% con l'arrivo a 9 km dalla fine dando spazio poi aalla discesona e ai curvoni mozzafiato. Insomma, c'è stato tutto in un mix entusiasmante immersi in un pubblico fenomenale.

Alaphilippe come già detto nella tappa di Rapolano Terme dove è arrivato secondo alle spalle di Sanchez, è un corridore rinato e dopo 150 km di fuga con un ottimo Mirco Maestri della Polti-Kometa ad accompagnarlo fino ai -11.5 km finchè Lou Lou non ha deciso di salutare e portarsi a casa la prima vittoria al Giro alla prima partecipazione in carriera. Nonostante qualche problema fisico del giorno precedente.

Pensate se ci fosse stato anche Van Aert in questa edizione. Dove soprattutto la sua squadra, la Visma, ha perso gli anonimi Laporte (caduta nella quinta tappa) e Uijtdebroecks che ha salutato per via di un virus, con il solo acuto di Kooij che poi però si è ritirato ancue lui causa influenza (Tratnik bene, terzo, a Bocca della Selva).

Le prossime due, la piattona di oggi e la crono che chiuderà probabilmente i giochi, diranno pressochè poco ma domenica...Sarà tutta da vivere e chissà chi ci sorprenderà, ancora.


IL COMMENTO TECNICO di Marco Rebagliati:

Tappa 13, la Riccione - Cento di 179 km. Dopo i muri di ieri con la spettacolare azione di Alaphilippe oggi il Giro propone una tappa completamente piatta (150 metri di dislivello fatti sui cavalcavia). Una tappa di trasferimento, per tirare il fiato in vista dell'importantissimo weekend. Per chi guarda il Giro sarà dura non chiudere occhio, ricordatevi di mettere la sveglia alle 17:00 per vedere il volatone finale!


Photo credits: LaPresse

Luciano Parodi

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium