ELEZIONI REGIONALI
 / Cronaca

Cronaca | 09 aprile 2024, 10:50

Sgominata la baby gang che terrorizzava i coetanei nel Canavese [VIDEO]

Due arresti e altrettanti obblighi di dimora disposti dai carabinieri di Cuorgnè, dopo mesi di indagini

Arrestati i componenti di una baby gang che terrorizzava i coetanei nel Canavese

Arrestati i componenti di una baby gang che terrorizzava i coetanei nel Canavese

Nelle settimane scorse, i Carabinieri della Stazione di Cuorgnè, coordinati dalla Procura della Repubblica di Ivrea e dalla Procura per i Minorenni di Torino, hanno eseguito delle ordinanze di custodia cautelare in carcere minorile per due diciassettenni di origine nordafricana, ritenuti responsabili di gravi reati quali rapina aggravata, lesioni personali in concorso, calunnia aggravata e violenza sessuale, mentre per altri due ventunenni, anch’essi indiziati di aver partecipato a parte degli eventi delittuosi, è scattato l’obbligo di dimora con divieto di uscita notturna.

Le indagini partite nell'ottobre dello scorso anno

L’attività di indagine ha origine da diverse segnalazioni giunte ai militari dalla cittadinanza del canavese, da ottobre 2023 in avanti, e riguarda vari episodi criminali contestati alla “banda”: assalti per strada a danno di coetanei per pochi spiccioli, rapine in abitazione o nei supermercati nonché situazioni di violenza gratuita quali l’aggressione ad un autista della Gtt per non pagare il biglietto del pullman e per uno di essi anche la detenzione di sostanza stupefacente.

In particolare, fra i reati contestati, ha destato particolare scalpore un evento risalente a metà ottobre scorso, a seguito del quale i Carabinieri di Cuorgnè hanno raccolto gravi indizi di colpevolezza nei confronti dei quattro indiziati: questi avevano rapinato un coetaneo per strada in maniera particolarmente efferata, pestandolo brutalmente per impossessarsi di una macchinetta per tatuaggi, di un telefono cellulare e di 15 euro, il tutto ripreso dalle telecamere di sorveglianza locale.

Rapine, aggressioni e violenza sessuale

Inoltre, uno dei componenti del gruppo è gravemente indiziato del reato di violenza sessuale, riconducibile ad una serata del dicembre scorso: secondo la ricostruzione degli inquirenti, il giovane, armato di coltello, dopo aver rapinato un coetaneo del suo telefono cellulare IPHONE, avrebbe rivolto le sue attenzioni verso una sedicenne, trascinata sotto minaccia dell’arma bianca in un luogo appartato e violentata. Ora, per i due minori si sono aperte le porte del “Ferrante Aporti”.

I provvedimenti a carico dei soggetti citati sono stati emessi nelle fasi delle indagini preliminari, nelle quali vige la presunzione di non colpevolezza.

redazione

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium