/ Economia e lavoro

Economia e lavoro | 19 febbraio 2024, 12:15

Torino: presentato il libro di Fabrizio Odetto “Il contr’uno remix o della servitù volontaria”

Al centro del dibattito, la libertà, il bene più prezioso a cui ognuno dovrebbe aspirare

Testi e foto di Toni Spagone

Testi e foto di Toni Spagone

Si è svolta il 16 febbraio la presentazione del libro, con audiolibro annesso, “Il contr’uno remix o della servitù volontaria” evento ospite del Circolo dei Lettori di via Bogino, 9 a Torino.

Sono intervenuti Rossella Barresi in rappresentanza di Lisianthus, casa editrice del libro, Riccardo Cristiani, storico e medievalista emozionale, e l’autore Fabrizio Odetto.

I partecipanti sono stati accolti da una proiezione di quadri, fotografie artistiche e installazioni di vari artisti sul tema della tirannia e della libertà. La proiezione è un estratto dal progetto curato da Leoni Art Project che richiama una moltitudine di scultori, pittori e fotografi visionari da tutto il mondo nel nome dell’arte e del messaggio di libertà che vuole comunicare. 

Il primo intervento è stato quello di Rossella Barresi che ha introdotto e riassunto la nascita della casa editrice, collocandola all’interno del panorama editoriale italiano. I “manoscritti” da loro scelti e poi pubblicati hanno ognuno una particolarità e un comune denominatore, ovvero possedere effettivamente un messaggio da poter trasmettere al lettore. Barresi ha proseguito nella descrizione affermando: “Oggi, purtroppo, in Italia ci sono più scrittori che lettori e in questo panorama bisogna effettivamente distinguersi offrendo prodotti librari di alta qualità grafica e dialettica”.

Concludendo il suo intervento, ha passato la parola allo storico Riccardo Cristiani il quale ha introdotto il libro “Il contr’uno remix o della servitù volontaria” narrando il periodo storico in cui è stato scritto dal giovane filosofo francese Étienne de La Boétie. La narrazione dei fatti accaduti durante il XVI secolo e i secoli a seguire hanno svelato che il testo originale non solo era riuscito a individuare il modo piramidale in cui il tiranno potesse esercitare potere sui popoli in quell’epoca, ma anche il meccanismo, sempre lo stesso, della figura a cui i popoli stessi davano potere. Un fattore determinante e comune nei secoli si è rivelato essere quello di incutere terrore per poter soggiogare i popoli in tutte le epoche. 

A seguire si è aperto il dialogo tra l’autore, Fabrizio Odetto, e il moderatore Riccardo Cristiani. Odetto ha spiegato le ragioni di questa sua nuova traduzione e interpretazione dal testo ripreso nell’Ottocento da Fanfani. Dopo tre passaggi letti e interpretati magistralmente da Fabrizio Odetto, di professione attore e doppiatore, è iniziato il dibattito con gli intervenuti. In ultimo, la conclusione della presentazione ha messo in luce una verità e soprattutto ha fatto emergere una vera domanda: “oggi siamo liberi o crediamo solo di esserlo?”

 

Testi e foto di Toni Spagone

C.S.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium