/ Attualità

Attualità | 19 febbraio 2024, 11:54

Città dei 15 minuti, Settimo scelta come caso di studio a livello europeo

L'assessore Raso: "Negli ultimi anni abbiamo fatto significativi passi avanti nella trasformazione della Città, che hanno reso il nostro caso interessante per i ricercatori europei"

Città dei 15 minuti, Settimo scelta come caso di studio a livello europeo

La Città di Settimo, unica in Italia, è stata scelta dal Politecnico di Torino come caso di studio per “DUT 15 minutes city”, un progetto che punta ad analizzare e migliorare l'accessibilità dei servizi pubblici.

“La città dei 15 minuti” è un modello di pianificazione urbana che mira a fare in modo che i cittadini abbiano accesso ai principali servizi entro 15 minuti. Per renderlo possibile, occorre soprattutto strutturare una rete di trasporto pubblico efficiente e capillare, ma anche lavorare sulla pedonalizzazione e sulla ciclabilità, rendendo i mezzi di trasporto pubblici competitivi rispetto all'auto privata.

"A Settimo, come del resto in larga parte del territorio urbano a livello nazionale, indubbiamente questo obiettivo è ancora da raggiungere – commenta l'assessore Alessandro Raso Tuttavia negli ultimi anni abbiamo fatto significativi passi avanti nella trasformazione della Città, che hanno reso il nostro caso interessante per i ricercatori europei".

Martedì scorso una delegazione di ricercatori provenienti da tutta Europa ha fatto visita alla nostra Città. Guidati da Raso e dai tecnici del Comune, si sono soffermati su alcuni luoghi che rendono peculiare Settimo.

"Abbiamo raccontato il processo di trasformazione della nuova isola pedonale, dalla progettazione partecipata all'esperimento dell'urbanismo tattico, arrivando fino all'infrastruttura come la vediamo oggi – spiega Raso – Siamo andati anche in Biblioteca Archimede e al Mu-Ch Museo della Chimica".

Numerosi gli elementi di interesse emersi durante la visita. "Fatte le debite differenze, i ricercatori sono rimasti colpiti dai nostri progetti, evidenziando come il processo delle più recenti trasformazioni urbane di Settimo sia vicino ai livelli delle eccellenze europee. Queste attestazioni di stima fanno indubbiamente piacere e ci confortano ulteriormente rispetto alla qualità del lavoro fatto fin qua. Ma soprattutto devono servirci da sprone per migliorare ciò che ancora manca per essere davvero una “città dei 15 minuti”. Penso soprattutto a una rete efficiente di trasporto pubblico, a cui abbiamo lavorato molto ma per cui ancora molto resta da fare".

Tra i progetti più importanti concretizzati in questi anni abbiamo l'apertura della linea 20 del bus che collega la stazione Torino Stura e Settimo Cielo passando dall'Ospedale. Ma anche il bus a chiamata che partirà nelle prossime settimane. "Restano da migliorare i collegamenti su ferro: il servizio ferroviario in questo periodo sta subendo un significativo peggioramento e occorrono correttivi per cui abbiamo chiesto un confronto con l'Agenzia della Mobilità e la Regione. E non dimentichiamo l'altra grande e difficile sfida: portare la Metro2 sul nostro territorio. Un obiettivo a cui abbiamo lavorato molto per inserire la tratta per Pescarito nella progettazione dell'opera".

comunicato stampa

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium