/ Economia e lavoro

Economia e lavoro | 04 gennaio 2024, 07:13

Tutto pronto per i saldi a Torino, Confesercenti: "Ogni famiglia pronta a spendere 130 euro". Ma pesa l'inflazione

Le persone che vogliono sfruttare i prezzi scontati salgono rispetto all'anno scorso: dal 40 al 44%. Si riscoprono i negozi di vicinato

saldi invernali

Tutto pronto per i saldi che cominciano il 5 gennaio anche a Torino

Spesa media di 130 euro per i saldi che a Torino e in Piemonte inizieranno venerdì 5 gennaio, per proseguire sino a venerdì 1° marzo: una cifra in leggero calo rispetto alla scorsa stagione, che tuttavia i commercianti sarebbero contenti di vedere confermata a fine stagione, date la persistente crisi dei consumi. Il dato positivo è invece l‘aumento della percentuale dei consumatori che dichiara di voler approfittare degli sconti: 44% contro il 40% dei precedenti saldi invernali.

L’indagine condotta fra commercianti e consumatori piemontesi dall’ufficio studi di Confesercenti delinea una situazione di difficoltà, dovuta all’inflazione, nella quale sconti e promozioni non saranno in grado di compensare due mesi difficili per le vendite come sono stati novembre e dicembre, nei quali si è registrato un calo del 10-15%. Anche il cambiamento climatico ha inciso negativamente sulle vendite, secondo la stragrande maggioranza delle imprese.

"Lo sconrino medio sarà più basso"

Probabilmente – sintetizza Micaela Caudana, presidente di Fismo-Confesercenti, l’associazione dei commercianti di abbigliamento – vedremo un numero maggiore di clienti, ma lo scontrino medio sarà un po’ più basso. D’altra parte – al di là della crisi economica, che sicuramente pesa sui bilanci delle famiglie – sono le stesse modalità di consumo a essere cambiate rapidamente: possiamo parlare di saldo consapevole, sia da parte dei commercianti, sia da parte dei clienti. Noi operatori sempre di meno ci lanciamo in sconti mirabolanti che sviliscono il nostro lavoro e la nostra funzione, oltre a non apparire seri nei confronti dei clienti, i quali hanno abbandonato gli acquisti d’impulso tipici dei saldi del passato. Se i consumatori puntano su competenza e servizio, ciò non potrà che avvantaggiare i piccoli negozi: proprio perché la disponibilità economica è limitata, una parte sempre maggiore della clientela preferisce fare riferimento al negozio di fiducia e privilegiare la qualità alla quantità, magari accontentandosi di un ribasso minore pur di assicurarsi un capo davvero utile e duraturo”.

Secondo l’indagine, il 44% dei piemontesi (contro il 40% dello scorso anno) utilizzerà i saldi e l’abbigliamento continua a essere scelto da oltre 8 consumatori su dieci. Il resto si orienta soprattutto verso l’elettronica (computer, tv, cellulari) e gli accessori per la casa. Il budget medio previsto si colloca intorno ai 130 euro, ma circa la metà dei piemontesi starà sotto i 100.

Capi pesanti (visto il clima mite)

Il clima mite di questo inverno ha lasciato invenduta una parte significativa di capi pesanti – cappotti, giacconi, piumini -, per i quali i consumatori potranno contare su un buon assortimento di taglie, colori e tipologie. Ma le preferenze per i capispalla sono in calo rispetto allo scorso anno. La maggioranza si orienterà su capi meno impegnativi anche dal punto di vista economico: maglie e felpe (indicate dal 45%), gonne e pantaloni (40%), scarpe (37%), intimo (25%), pelletteria (cinture, accessori, borse: 23%).

Il fenomeno di un ritorno ai negozi di vicinato – già riscontrato nella scorsa stagione – si conferma anche in questa: saranno scelti da oltre un terzo dei consumatori (34% contro il 30% del 2023).


Anche quest’anno sarà molto alta la percentuale degli operatori che praticheranno gli sconti: saldi in oltre il 90% dei quasi 1700 negozi cittadini di abbigliamento e calzature (circa 2800 con la provincia).

"Regolamentare gli sconti selvaggi"

Le difficoltà – conclude Giancarlo Banchieri, presidente di Confesercenti – non sono certo finite e l‘inflazione, pur in calo, sta lasciando una pesante eredità sui bilanci delle famiglie. È dunque inevitabile che gli acquisti siano cauti e oculati. È confortante che un numero crescente di consumatori riscopra il ruolo del negozio di quartiere. Tuttavia, web e grande distribuzione adottano politiche commerciali sempre più aggressive e gli sconti si fanno ormai tutto l’anno. È particolarmente in occasioni come quella dei saldi che si sente l’esigenza di regolamentare gli sconti selvaggi, ma soprattutto di tassare adeguatamente i giganti del web: nessun intento punitivo, ma sono necessarie regole uguali per tutti. Purtroppo, su questo fronte si è fatto pochissimo: non sappiamo se la recente global minimum tax sarà di facile applicazione e, in ogni caso, prevede un’aliquota di gran lunga inferiore rispetto a quella che grava sulle nostre piccole imprese”.

Massimiliano Sciullo

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium