/ Attualità

Attualità | 17 settembre 2023, 10:45

Voli dirottati e cancellati, il caos a Torino dopo la tragedia di Caselle

Il racconto di due passeggeri: "Fino alle nove di questa mattina non avevamo notizie certe"

Voli dirottati e cancellati, il caos a Torino dopo la tragedia di Caselle

Dopo la tragedia di Caselle, resta il caos voli per i viaggiatori che avevano il biglietto con arrivo o partenza da e per Torino.

Tutti i voli sono stati sospesi fino alla mezzanotte di oggi, domenica 17 settembre [LEGGI QUI], per poter permettere i rilievi.

Le compagnie aeree stanno provvedendo ad avvisare i passeggeri: per informazioni sulle eventuali riprotezioni, si prega di rivolgersi alla compagnia aerea o agenzia di viaggi” è l’annuncio pubblicato ieri in tarda serata sul sito dell'aeroporto. 

Intanto però chi doveva partire o doveva arrivare dallo scalo torinese è stato dirottato all’ultimo su altri aeroporti come Milano Malpensa o ha dovuto rinunciare a partire poiché quel volo è stato cancellato dalla compagnia aerea.

È il caso di due ragazzi di Pinerolo che da Caselle dovevano partire con il volo delle 14.40 per arrivare a Tirana e trascorrere una settimana di vacanza in Albania. “Abbiamo subito letto l’annuncio dell’aeroporto di Caselle in cui si diceva della chiusura fino a domenica e di contattare la compagnia aerea che tuttavia al telefono non era raggiungibile - raccontano i due giovani -. Il nostro volo con Wizz Air fino alle due di notte circa risultava prima ancora in programma e poi solo in ritardo”.

Il volo precedente, quello delle 9.40 per Tirana, verso le tre di notte era già stato dirottato verso Milano Malpensa con circa tre ore di differenza. “Questa mattina verso le nove ci è arrivata la mail in cui si diceva che il volo era stato cancellato e di fare richiesta per il rimborso”. 

 

Un caos che stanno vivendo diversi viaggiatori che si sono visti costretti a cambiare i propri piani. “La compagnia ci ha fatto sapere che fornisce gratuitamente una prenotazione alternativa, ma da Milano, speriamo di riuscire a organizzarci per domani da lì perché non vogliamo rischiare partendo da Torino”. 

Chiara Gallo

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium