ELEZIONI REGIONALI
 / Attualità

Attualità | 14 settembre 2023, 16:52

IT-Alert: l’allarme nazionale funziona, ma non tutti i piemontesi lo hanno ricevuto [VIDEO]

Come ogni test che si rispetti serve a perfezionarne l'operatività. Chi non lo avesse ricevuto può comunque compilare il questionario e segnalare la mancata ricezione

IT-Alert allerta

IT-Alert: l’allarme funziona, ma non tutti i piemontesi lo hanno ricevuto

Come annunciato nei giorni scorsi alle ore 12 di oggi, giovedì 14 settembre, la (quasi) totalità dei telefoni cellulari di tutto il Piemonte ha ricevuto il messaggio di test IT-alert, il nuovo sistema di allarme pubblico nazionale.

Questo il testo che alle 12 in punto è comparso sui telefoni dei piemontesi.

Avviso presidenziale: questo è un MESSAGGIO DI TEST del sistema di allarme pubblico italiano. Una volta operativo ti avviserà in caso di grave emergenza. Per informazioni vai sul sito www.it-alert.it e compila il questionario. 

La schermata bianca sugli smartphone è comparsa insieme al suono distintivo di una sirena della durata di circa dieci secondi. A seguire una voce registrata femminile spiega il motivo di quell'avviso, identico a quanto già riportato per scritto nel messaggio. 

Cliccando su "OK" la schermata bianca si chiude, mentre cliccando sul link è possibile proseguire alla compilazione del questionario che, attraverso qualche domanda, verifica il corretto funzionamento dell’app.

Naturalmente, essendo un test, non tutto è andato secondo copione, ma ci sono ancora alcuni aspetti da perfezionare.

Innanzitutto una piccola parte non ha ricevuto il messaggio. A seguito della pubblicazione del video sui nostri social abbiamo chiesto conferma di ricezione del test. 

Nel campione di persone che hanno commentato un buon 80-90% ha ricevuto il messaggio alle ore 12 precise. Alcuni lo hanno ricevuto più tardi, altri non lo hanno proprio ricevuto. Diversi segnalano di averlo ricevuto due volte, chi invece addirittura tre.

Molti dei piemontesi che si trovavano fuori Regione non hanno ricevuto il messaggio, mentre alcuni, per evitare di riceverlo, hanno spento il telefono o messo in modalità aereo. Una volta riacceso però il telefono ha comunque “lanciato” l’allarme di prova. 

Infine sulla compilazione del questionario molti hanno segnalato, specie nella prima fase, qualche errore nell’invio delle risposte. Problema che sarebbe rientrato dopo poco tempo e che ha permesso di segnalare la propria esperienza a seguito della ricezione dell’allarme.

In generale le persone che hanno commentato il nostro video lo ritengono un servizio utile.

redazione

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium