/ Attualità

Attualità | 24 agosto 2023, 13:18

Stop ai diesel euro 5, Torino Respira contro la politica: “Il loro è un fallimento ventennale, dobbiamo proteggere la salute”

Dito puntato contro la Regione: “Chi governa e ha governato ha sempre guardato altrove. Il Piemonte è stata l’ultima tra le regioni del Nord Italia ad approvare il Piano Regionale per la Qualità dell’Aria. Qui esistono 14 linee ferroviarie sospese”

Stop ai diesel euro 5, Torino Respira contro la politica: “Il loro è un fallimento ventennale, dobbiamo proteggere la salute”

Stop ai diesel euro 5, Torino Respira contro la politica: “Il loro è un fallimento ventennale, dobbiamo proteggere la salute”

Il blocco dei diesel Euro 5 in Piemonte? Non una colpa dell’Europa, ma la conseguenza di 20 anni di fallimenti della politica locale.  E’ l’accusa mossa dal comitato Torino Respira, consapevole che il provvedimento porterà disagi ai piemontesi.

 

Se la rabbia dei cittadini colpiti da questa misura è comprensibile, non lo sono per niente le dichiarazioni di assessori e ministri responsabili di queste decisioni, che si difendono dicendo che questa misura “è colpa di Bruxellese che va fatta perché “ce lo chiede l’Europa”. Queste posizioni cercano soltanto di nascondere il fallimento quasi ventennale delle politiche di riduzione dell’inquinamento dell’aria” spiegano. Gli effetti sulla salute dei cittadini - ricorda il comitato - sono i più gravi in tutta l’Europa e provocano quasi 60.000 morti premature ogni anno, senza contare i ricoveri nelle fasi acute e le sofferenze di chi si ammala in modo cronico

 

I politici, che ora si stracciano le vesti e puntano il dito contro l’Unione Europea, sanno da almeno un decennio che la responsabilità principale dell’inquinamento atmosferico in pianura padana è dovuta soprattutto alle emissioni del traffico veicolare e dell’agricoltura”. 

 

A Torino, infatti, il 70% delle emissioni di ossidi di azoto sono dovute al traffico e i due terzi delle polveri sottili sono di origine secondaria. Per il comitato il riscaldamento e le attività industriali contribuiscono, “ma ormai è dimostrato che lo fanno in parte minore, e, che se non si ridurranno in modo molto drastico le emissioni da traffico e agricoltura il problema non si risolverà mai”.

 

Chi governa ed ha governato in passato la Regione, ha sempre guardato altrove. Pochi sanno, ad esempio, che il  Piemonte è stata l’ultima tra le regioni del nord Italia ad approvare il Piano Regionale per la Qualità dell’Aria, e che in Piemonte esistono 14 linee ferroviarie sospese, che la Regione stessa voleva chiudere definitivamente anziché trovare soluzioni per il loro rilancio. Non è all’Europa che dobbiamo la riduzione dell’inquinamento dell’aria, è ai cittadini italiani, soprattutto a quelli più deboli, come i bambini che soffrono di malattie croniche e gli anziani che muoiono prematuramente”. 

 

Lo dobbiamo anche ai nostri figli e nipoti, perché quasi ogni azione per ridurre le emissioni di inquinanti dell’aria è anche un’azione per ridurre le emissioni di gas ad effetto serra e combattere il cambiamento climatico, e non c’è momento migliore della peggiore ondata di caldo estremo di sempre per capire l’importanza di questo obiettivo. Decisioni come questa però pesano soprattutto sui cittadini economicamente più deboli, che spesso vivono anche nei luoghi serviti peggio dal trasporto pubblico. Per questo non possono arrivare all’improvviso, devono essere spiegate bene e accompagnate da misure di sostegno per evitare che si consolidino sentimenti contrari ad una transizione ecologica sempre più indispensabile e urgente” conclude la nota del comitato Torino Respira.

Redazione

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium