/ Sanità

Sanità | 08 maggio 2023, 11:30

Miracolo alle Molinette: 16 ore di trapianto per un fegato nuovo che salva la vita a un bambino con una malattia rarissima

Il piccolo, affetto da un'anomalia nella circolazione del sangue nell'addome, ma anche da ipertensione polmonare, salvato da un trapianto di organi arrivati da un bimbo tedesco

mani chirurgo sui ferri da operazione e disegno bimbo per medici molinette

Intervento miracoloso durato 16 ore alle Molinette, per il trapianto di fegato a beneficio di un piccolo paziente

Il dono degli organi da parte di un bambino in Germania ha permesso di salvare un altro bambino affetto da una rarissima anomalia nella circolazione del sangue nell'addome che gli aveva provocato una grave patologia cardio-polmonare (l’ipertensione polmonare), presso l’ospedale Molinette della Città della Salute di Torino, grazie ad un eccezionale trapianto di fegato ai limiti dell’impossibile durato 16 ore. 

Protagonista un ragazzino di 13 anni

Il protagonista della vicenda è un ragazzino di 13 anni, appassionato di ogni forma di velivolo, seguito fin dai primi anni di vita presso la Gastroenterologia pediatrica dell’ospedale Infantile Regina Margherita di Torino (diretta dal dottor Pierluigi Calvo). 

Nato con una rarissima anomalia nella circolazione del sangue nell’addome (Sindrome di Abernethy o shunt porto-sistemico congenito tipo 1b, con completa assenza del sistema venoso portale intra-epatico), da sempre soffriva di una “intossicazione cronica”, perché tutto il sangue che arrivava dall’intestino non veniva filtrato dal fegato e andava direttamente al cuore e ai polmoni. In questi casi, il trapianto di fegato è l’unica opzione terapeutica, non essendo possibile la correzione con tecniche di radiologia interventistica.

Di solito il trapianto viene effettuato al momento della comparsa di una complicanza, detta sindrome epato-polmonare, ma il piccolo paziente ha invece sviluppato nel tempo una grave e rarissima patologia cardio-polmonare (l’ipertensione polmonare) che rende il trapianto così rischioso da essere controindicato dalla letteratura scientifica. Il trapianto però restava l’unica possibilità per correggere l’anomalia che era causa del problema cardio-polmonare ed il tempo avrebbe reso questa situazione sempre più minacciosa per la vita del ragazzo.

Un anno di cure prima del trapianto

E’ stato necessario un anno di cure, condotte congiuntamente dai cardiologi dell’ospedale Regina Margherita (diretti dalla dottoressa Gabriella Agnoletti) e dell’ospedale Molinette (diretti dal professor Gaetano Maria De Ferrari e dalla dottoressa Claudia Raineri), utilizzando una combinazione di farmaci a dosaggi raramente usati in pediatria, per portare il bambino al trapianto nelle migliori condizioni possibili.

Il Centro Nazionale Trapianti ha segnalato al Coordinamento Regionale Trapianti Piemonte (diretto dal professor Antonio Amoroso) la disponibilità di un fegato pediatrico, donato da un bambino deceduto in Germania. L’opportunità è stata immediatamente colta dall’équipe del Centro Trapianto Fegato di Torino (diretto dal professor Renato Romagnoli), che è volata oltralpe per eseguire il delicato prelievo dell'organo, grazie anche al lavoro del servizio di Emergenza del 118 di Torino, che ha garantito l'organizzazione dei trasporti dell'équipe trapianti in tempi record.

Il fegato arrivato dalla Germania

Erano presenti tantissimi professionisti nella sala operatoria delle Molinette per rendere possibile un intervento chirurgico molto complesso, che ha necessitato di circolazione extracorporea, siccome la pressione elevata del sangue nei polmoni non avrebbe permesso al bambino di sopravvivere ad un trapianto di fegato eseguito con tecnica tradizionale. In particolare, sono intervenuti i cardiochirurghi pediatrici (il dottor Luca Deorsola del gruppo diretto dal dottor Carlo Pace Napoleone) e dell’adulto (il dottor Erik Cura Stura del gruppo diretto dai professori Mauro Rinaldi e Massimo Boffini), il cardiologo dottor Filippo Angelini, gli anestesisti dottori Angelo Panio e Manuela Crucitti (del gruppo diretto dal dottor Roberto Balagna), a supporto  del professor Romagnoli e della sua équipe chirurgica.

La delicata operazione è riuscita ed il decorso postoperatorio, avvenuto nella Rianimazione Centrale delle Molinette e nell’Area Semintensiva del Centro Trapianto Fegato, è stato regolare. Il bambino è da poco stato dimesso in condizioni molto buone ed ha già ripreso quella che per lui sarà una nuova vita. Il successo è stato una felicità per tutti, ma soprattutto per il ragazzino e per la sua famiglia.

redazione

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium