/ Sanità

Sanità | 04 novembre 2022, 15:42

Chirurgo di Chivasso contro i no vax annuncia le dimissioni: "No al rientro degli stregoni in ospedale"

L'annuncio del dottor Vincenzo Carrozza, dipendente dell'ospedale di Savigliano in aspettativa da cinque anni e residente nel Comune alle porte di Torino. Attualmente è in servizio presso la base Nato in Kosovo

Dr. Vincenzo Carrozza

Dr. Vincenzo Carrozza

Ha avuto eco nazionale il post su Facebook del medico chirurgo dottor Vincenzo Carrozza, dipendente dell'ospedale Santissima Annunziata di Savigliano.

Attualmente è in aspettativa in quanto presso la base Nato di Pristina, in Kosovo. Non è in servizio a Savigliano da cinque anni, dopo una parentesi di due mesi - da aprile a maggio 2020 - nel periodo del Covid. Ma è ancora, formalmente, un dipendente dell'Asl CN1 e medico del Servizio Sanitario Nazionale (SSN), da cui, due giorni fa, ha annunciato di volersi dimettere. In totale disaccordo con il reintegro dei medici no vax. Che definisce stregoni. 

Un post molto duro il suo, professionista stimato originario di Locri e residente a Chivasso, nel Torinese. Autore di libri, la professione di medico in zone calde della terra. A rischiare la pelle, come l'hanno rischiata i medici in prima linea durante le peggiori ondate del Covid. 

Questo il senso del suo post e della sua rabbia. Lo riportiamo integralmente

"Signor ministro della Sanità, collega Schillaci, leggo che hai oltre 350 pubblicazioni scientifiche al tuo attivo, immagino tutte su riviste indicizzate, devo quindi dedurre che tu credi nella scienza, nelle metanalisi, negli studi indipendenti. Posto il mio badge, che per molti anni mi ha consentito di entrare a far parte di una comunità scientifica di eccellenza. In questa grande famiglia di medici e infermieri, ogni azione ha cercato di seguire i protocolli scientifici accreditati. Non c’è mai stato posto per atti di pirateria medica, di pressappochismo, di pozioni magiche per curare i nostri pazienti.

Oggi, con atto che chiamare scellerato è sminuirne il significato, si concede il diritto a degli stregoni (i medici no vax) di ritornare a esercitare la loro mala medicina nelle corsie e nei reparti degli ospedali del SSN. Si concede il diritto a dei potenziali untori di infettare pazienti ospitalizzati, dunque fragili per definizione. In qualità di medico chirurgo non posso accettare che la mia professione, e la salute di tantissimi pazienti, sia messa in mano a cinquemila potenziali untori. Per questo motivo non mi resta, come atto di protesta civile, che rassegnare le mie dimissioni dal SSN.

Spero, signor Ministro, che la tua carriera di medico prosegua nel più brillante dei modi, ma Tu, soprattutto Tu, hai minato gravemente la credibilità del nostro Sistema Sanitario Nazionale e della nostra categoria.

Spero in un ravvedimento, nelle tue dimissioni immediate da ministro della Sanità per non renderti complice di questo atto inqualificabile e pericoloso.

Cordialità

Dr. Vincenzo Carrozza

Inutile dire che il post ha scatenato i commenti sui social, tra chi è completamente d'accordo con il medico e chi invece lo attacca, sfiorando l'insulto.

Il tema del Covid, della sua gestione, tra misure di contenimento dei contagi, green pass e obbligo di vaccinazione, continua a dividere gli italiani e a scatenare una ferocia, in un senso o nell'altro, difficilmente superabile a breve.

Barbara Simonelli

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium