/ Chivasso

Chivasso | 15 luglio 2021, 14:10

Chivasso aderisce a "Move - In", il sistema che monitora le emissioni delle auto inquinanti

Con questo sistema anche le auto più vecchie potranno circolare nelle aree oggetto di restrizioni

Chivasso aderisce a "Move - In", il sistema di monitoraggio delle auto inquinanti

Foto di repertorio

Il Comune di Chivasso aderisce a "Move In", il sistema di monitoraggio dei veicoli inquinanti adottato dalla Regione Piemonte.
Dopo la deliberazione, da parte della Regione, del nuovo accordo per il miglioramento della qualità dell'aria, ieri, mercoledì 14 luglio, il sindaco Claudio Castello ha infatti emesso un'ordinanza per l'avvio, sul territorio, del progetto di limitazione delle emissioni inquinanti.

Un sistema già attivo in Lombardia con ha lo scopo di coinvolgere e responsabilizzare i cittadini e che sarà disponibile dal 30 luglio 2021. E' attivabile su base volontaria.

Come funziona Move In

Ad ogni veicolo che aderisce, su base volontaria, al servizio viene assegnato un tetto massimo di chilometri che possono essere percorsi annualmente sull’intero territorio dei comuni che hanno aderito a MOVE-IN, eccezion fatta nelle giornate in cui vigono le limitazioni emergenziali che possono scattare dal 15 settembre al 15 aprile quando c’è la previsione di superamento dei limiti di qualità dell’aria relativi alle polveri sottili.

I chilometri saranno rilevati su tutti i tipi di strade del territorio comunale, tutti i giorni dell’anno, quindi festivi compresi, 24 ore su 24. Raggiunto questo tetto il veicolo non potrà più circolare nelle aree soggette a limitazioni fino al termine dell’anno di adesione. Per controllare i chilometri residui si può scaricare una app oppure collegarsi al sito web.

L’adesione al progetto Move In – sottolineano il Sindaco Claudio Castello e l’Assessore all’Ambiente Pasquale Centin - deriva dalla consapevolezza che è assolutamente necessario contribuire alla riduzione delle emissioni nocive in atmosfera. Con questo sistema, gli autoveicoli più vecchi, avranno la possibilità di circolazione per un certo numero di chilometri nelle aree oggetto di restrizioni, solo se i proprietari aderiranno a tale sistema”.

Per aderire occorre registrarsi, dal 30 luglio in poi, al sito della regione Piemonte https://www.regione.piemonte.it/web/move-in utilizzando il Sistema Pubblico di Identità Digitale (SPID) o la Carta Nazionale dei Servizi (CNS).

Dopo la registrazione occorre contattare un operatore TSP selezionato in fase di adesione per installare la black-box e successivamente attendere la comunicazione dell’avvenuta attivazione del servizio.

I costi del servizio sono stabiliti da ciascun operatore TSP (Telematics Service Provider) accreditato.

a.g.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium