/ Politica

Politica | 05 luglio 2021, 14:33

Trasporti, Avetta (Pd): "Sconcertanti i tagli ai bus Gtt, la Regione intervenga"

"Si dia garanzia che i tagli sono temporanei e che a settembre tutte le corse saranno ripristinate. Inaccettabile un riassetto strutturale penalizzante per Ivrea"

Trasporti, Avetta (Pd): "Sconcertanti i tagli ai bus Gtt, la Regione intervenga"

"Gli eporediesi questa mattina si sono svegliati con una sgradita novità: un taglio del 30% delle corse su bus, ovvero 99 corse giornaliere. Per la prima volta, quest’anno, si anticipano ed estendono per tutto il mese di luglio i tagli che, di norma, venivano limitati temporalmente al solo mese di agosto, con conseguente penalizzazione di imprese e lavoratori canavesani. Condivido e comprendo il disappunto manifestato dai sindacati del territorio, Cgil, Cisl e Uil, perché questi tagli proiettano un’ombra preoccupante sul futuro del trasporto pubblico in questa parte di Piemonte, soprattutto nel malaugurato caso che dovessero essere non ‘stagionali’ ma diventare ‘strutturali’. Vigileremo affinché a settembre tutte le corse siano ripristinate, ma ho presentato un’Interrogazione per chiedere alla Regione Piemonte di attivarsi affinché tali tagli siano realmente temporanei e non preludano ad un riassetto strutturale e penalizzante del TPL nella conurbazione di Ivrea", dichiara il Consigliere regionale Alberto Avetta (Pd).

Il Consigliere regionale ricorda come i tagli in questione genereranno lunghe attese tra una corsa e quella successiva (anche 80 minuti) e conseguenti difficoltà per gli abitanti dei quartieri periferici e dei comuni dell’hinterland eporediese che debbano raggiungere i presidi medici ambulatoriali od ospedalieri nonché i luoghi di lavoro (ad es. sono state soppresse cinque corse della Linea 6 che collega Ivrea con l’importante presidio del Bioindustry Park di Colleretto Giacosa). "Le proposte di sviluppo del TPL locale, presentate proprio a Ivrea nel febbraio 2020, sono rimaste a tutt’oggi lettera morta, nonostante i fondi del PNRR rappresentino un’imperdibile opportunità per il rinnovo del parco bus circolante. In questa delicata fase di ripresa post Covid-19 bisognerebbe poter mettere in campo ogni iniziativa finalizzata a sostenere e favorire il ritorno in piena sicurezza ai mezzi di trasporto pubblico da parte dei cittadini, invece tagli di questo tipo non fanno altro che incentivare i cittadini nell’uso del mezzo privato, con le conseguenze sulla qualità dell’aria e la salute pubblica che ben conosciamo. Stiamo procedendo nella direzione opposta a quella auspicata a parole, e la Regione Piemonte non può essere spettatrice silente".

 

comunicato stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium