/ Attualità

Attualità | 25 febbraio 2021, 12:18

Vol.To apre uno sportello a Rivara, segnale di vicinanza al volontariato del Canavese

Ieri, mercoledì 24 febbraio, nell’incontro online presentato anche “TESORI”, progetto di inclusione e contrasto alle marginalità

immagine di repertorio

Vol.To apre uno sportello a Rivara, nel Canavese

Ieri, mercoledì 24 febbraio, è stata una data importante per il Centro Servizi per il Volontariato Vol.To: è stato infatti ufficialmente aperto uno sportello territoriale a Rivara, un ulteriore segnale di vicinanza – anche fisica – che Vol.To ha deciso assicurare a tutto il mondo del Volontariato nel territorio del Canavese.

Un nuovo tassello per Vol.To stesso che negli anni ha strutturato una rete capillare nella provincia di Torino così da essere sempre in prima linea nel difficile, ma fondamentale compito di supporto e promozione del Volontariato.

Lo sportello, che sarà ospitato presso gli spazi messi dal Gruppo di Azione Locale “Valli del Canavese” - con cui Vol.To ha sottoscritto un’apposita convenzione - a Rivara in via circonvallazione 9, è stato presentato alle istituzioni del territorio durante un incontro organizzato in videoconferenza. Sono intervenuti per l’occasione tra gli altri Gerardo Gatto, presidente Vol.To, Silvio Magliano, vice presidente Vol.To, Marco Pietro Bonatto Marchello, vice presidente del GAL Valli del Canavese, Roberto Andriollo sindaco di Rivara, Vincenzo Martino, vice sindaco di Rivara, Giovanni Ferrero, Direttore della Consulta per le Persone in Difficoltà, e Chiara Basile, ricercatrice e progettista della Fondazione Time2. Erano presenti anche sindaci, assessori e consiglieri comunali delle amministrazioni locali del territorio.

Nella stessa occasione è stato anche presentato nel dettaglio TESORI – TErre SOlidali Resilienti Inclusive, il progetto promosso proprio da Vol.To Centro Servizi per il Volontariato con GAL Valli del Canavese, Consulta per le Persone in Difficoltà, Unione Montana della Val Gallenca, Unione Montana Valli Orco e Soana e Comuni di Borgiallo, Castellamonte, Locana, Rivara, Rueglio e Vidracco.

Il progetto TESORI, sostenuto dalla Fondazione Time2 nell’ambito del Bando Prossimi, è nato dalla convinzione che la frontiera dell’innovazione, anche sociale, si disponga lungo le linee di margine, e in questo caso tra le aree interne delle Valli del Canavese. TESORI si sviluppa e cresce nella convinzione che il volontariato abbia tutte le capacità per essere uno dei soggetti promotori del benessere e della qualità della vita di coloro che scelgono questo territorio per i propri progetti di vita.

TESORI punta a dar vita a una rete stabile e competente di Enti del Terzo Settore che sia un riferimento per la cittadinanza e le istituzioni nella costruzione di un reale ed efficace sistema di welfare locale. Collaborando attivamente sul territorio dei comuni di riferimento il progetto promuove l’inclusione e il contrasto alle marginalità facilitando l’accesso ai servizi e alleviando fragilità e solitudine. 

Tra gli obiettivi principali di TESORI anche quello di organizzare una risposta integrata Pubblico e Privato sociale e investire sulle realtà capaci di abilitare le persone accompagnandole in percorsi di costruzione di cittadinanza. Per questo per una sua migliore e più capillare realizzazione, all’interno del progetto è stata prevista la mappatura degli enti del Terzo Settore presenti sul territorio; un’indagine sui bisogni sociali del territorio; lo stimolo a forme di welfare sussidiario; la realizzazione di percorsi di formazione di accompagnamento rivolti agli Enti del Terzo Settore e laboratori di cittadinanza attiva.

Gerardo Gatto, presidente di Vol.To, ha commentato così l’inaugurazione del nuovo Sportello territoriale a Rivara: “Uno dei principi ispiratori di Vol.To è la territorialità e la prossimità: il nostro compito è quello di aiutare nel migliore dei modi possibili tutti i soggetti che abitano un dato territorio sostenendo il volontariato e tutte le forme di cittadinanza attiva. Vogliamo essere al servizio del territorio, proprio come il lodevole progetto TESORI, perché spesso i servizi sono molto performanti, ma le persone fragili hanno difficoltà ad accedervi”. Sempre Gatto ha poi aggiunto: “Siamo convinti che il volontariato sia portatore di valori in grado di costruire un tessuto sociale inclusivo, qualcosa di unico soprattutto in questo momento storico contraddistinto dalla pandemia. Da soli non si va da nessuna parte: è fondamentale attivare la collaborazione tra pubblico e privato e quindi accompagnare le varie realtà in un percorso virtuoso di sviluppo del Bene Comune”.

Anche Silvio Magliano, vice presidente di Vol.To, ha così voluto commentare la duplice iniziativa, l’inaugurazione dello Sportello e il progetto TESORI: “Ci viene data l’opportunità, grazie anche al contributo della Fondazione Time2, di liberare un modello di lavoro capace di andare in soccorso ai sindaci che lavorano tutti i giorni al servizio del proprio territorio. Il mondo dell’associazionismo e del Terzo Settore è un’opportunità, è una stampella nel senso più alto, perché consente la realizzazione di tutte quelle policy di cui i territori e le persone che lo vivono hanno bisogno. Deve esserci una partnership sempre più forte tra pubblico e privato sociale per cercare risposte condivise. Ci auguriamo poi che questo progetto possa fare anche un po’ scuola, nella speranza che i nostri territori diventino sempre più consapevoli e proattivi”.

Queste invece le parole di Marco Pietro Bonatto Marchello, vice presidente del GAL Valli del Canavese: “Siamo sempre contenti di poter fare sinergia, perché ci permette di imparare, di dialogare e in questo caso capire una realtà complessa come il Terzo Settore. Lavorando in sinergia si ha poi soprattutto la possibilità di intercettare e occuparsi dei bisogni concreti delle persone. Cosa sarebbe un ente locale senza il Terzo Settore? Dal mondo dell’associazionismo e del volontariato arriva un aiuto prezioso, senza il quale i sindaci e le amministrazioni locali sarebbero totalmente disarmati. Anche per tutti questi motivi siamo contenti che sia stato firmato nel dicembre del 2020 questo protocollo di intesa con Vol.To”.

Roberto Andriollo, sindaco di Rivara, anche nelle vesti di padrone di casa ha commentato così le iniziative nel suo territorio: “Sono orgoglioso. L’associazionismo e il volontariato sono una parte viva dei nostri centri soprattutto nelle piccole comunità e in montagna. È nostro dovere sostenere queste persone che gratuitamente si mettono al servizio degli altri: senza di loro le nostre realtà sarebbero più povere. Le associazioni di volontariato sono un valore aggiunto perché possono arrivare dove a volte la stessa amministrazione locale non riesce”. 

Vincenzo Martino, vice sindaco di Rivara, ha commentato così le tante iniziative che vedono coinvolta la propria città: “L’inaugurazione di una sede di Vol.To a Rivara è per me la conclusione di un progetto che da tempo volevo realizzare. È un motivo di orgoglio personale avere adesso sul territorio uno sportello come quello di Vol.To capace di stare vicino a tutti i comuni del nostro territorio. Anche qui da noi associazionismo e volontariato non si sono mai fermati, ma hanno bisogno di aiuto. Sono loro la nostra linfa vitale”. 

Presente all’incontro anche Giovanni Ferrero, direttore della Consulta per le Persone in Difficoltà; queste le sue parole: “Come Consulta da un po’ di anni lavoriamo sui territori del GAL e ora con il progetto TESORI contiamo di farlo ancora di più in tutte quelle comunità e aree interne che durante la crisi del 2008 e ora la pandemia hanno evidenziato criticità come la fragilità delle relazioni, il trasporto pubblico, l’accesso ai servizi e la poca informazione. Il nostro obiettivo è fare emergere bisogni sociali. Lo spirito del volontariato, quindi del Terzo Settore, è quello di coprire l’ultimo miglio, di preoccuparsi del bisogno del cittadino. Deve essere poi un nostro obiettivo costruire un nuovo welfare che sono sempre più convinto debba essere realizzato dal pubblico, dal privato, dal privato sociale, e in rete. Solo facendo rete infatti si possono vincere le battaglie di tutti i giorni e le grandi guerre, vedi la pandemia di Covid”.

Infine un saluto anche da Chiara Basile, ricercatrice e progettista della Fondazione Time2: “La Fondazione ha colto con piacere questo progetto che ha il merito di mettere al centro la valorizzazione del territorio, lavorando sulle reti e sulla loro capacità di azione. TESORI crea un’occasione di presidio sociale avviando un prezioso percorso di ascolto e confronto attivo sul territorio”.

Per info: sederivara@volontariato.torino.it - Numero Verde 800.59.00.00

comunicato stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium