/ Politica

Che tempo fa

Cerca nel web

Accadeva un anno fa

Politica | 05 maggio 2020, 11:20

Sette milioni e mezzo per la Fase 2 dello sport in Piemonte

Ricca: "4 milioni e mezzo per le spese vive come bollette, un euro a società sportiva per ogni atleta iscritto al Coni e due milioni e mezzo per adeguamento impianti"

Sette milioni e mezzo per la Fase 2 dello sport in Piemonte

Sette milioni e mezzo per fare ripartire lo sport regionale, dopo l’emergenza Coronavirus. Ad annunciarlo è l’assessore regionale Fabrizio Ricca, che durante il Consiglio Regionale in videoconferenza ha chiarito i fondi che la Regione destinerà alle attività sportive con il “Riparti Piemonte”.

In totale, come illustrato ieri dalla giunta Cirio, la Regione per rilanciare l’economia nella Fase 2 intende stanziare 809 milioni di euro, ricavati per circa il 40% (354 milioni) da fondi europei, per circa il 55% (437 milioni) da risorse regionali e per i restanti 18 milioni dalla quota del fondo sanitario che spetta alla Regione. Nello specifico, come ha spiegato Ricca, “con la collaborazione degli uffici siamo riusciti ad implementare la misura dedicata allo sport con altri due milioni, arrivando a 7 milioni  e  mezzo”.

Nel dettaglio quattro milioni e mezzo verranno destinate alle spese vive sostenute dalle associazioni sportive in questo periodo. “Verrà fatto un bando – ha spiegato l’assessore regionale della Lega – per sopperire alla mancanza di liquidità: con questi soldi potranno essere pagate bollette, canoni e affitti,…”. “Abbiamo poi deciso di destinare – ha aggiunto Ricca - un euro, a società sportiva, per ogni atleta iscritto al registro Coni”.

L’esponente della giunta Cirio ha spiegato di aver parlato questa mattina con il Ministro allo Sport Vincenzo Spadafora per "far ripartire in sicurezza almeno gli sport individuali: appena saremo in grado li faremo riaprire”.

Un milione di euro verranno poi messi su altri bandi di gara (nel 2018 erano 800 mila euro ndr), mentre due milioni e mezzo saranno assegnati per l’adeguamento degli impianti. “L’emergenza Coronavirus – ha spiegato Ricca – ci ha obbligato ad avere un nuovo approccio all’impiantistica, che dovrà essere rinnovata. In questo capitolo sono anche state inserite le palestre, perché tutti devono essere messi nella condizione di sistemare le strutture”.

"Una vera e propria boccata d’ossigeno per le realtà sportive piemontese. Con il piano triennale dello sport, approvato oggi in aula, associazioni e impianti che rischiavano di chiudere definitivamente i battenti, potranno riaprire. Un lavoro enorme quello svolto nelle ultime settimane dall’assessore Ricca, soprattutto in termini di individuazione delle risorse da investire. Un altro significativo sostegno per un comparto in forte difficoltà a causa dell’emergenza sanitaria”: così Alberto Preioni, capogruppo della lega in consiglio regionale, sul piano sport da 7,5 milioni di euro, approvato oggi.

Nella nostra regione il 32,6% dei piemontesi pratica sport e sono presenti 12.500 società sportive.

redazione

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium