/ Sport

Che tempo fa

Cerca nel web

Accadeva un anno fa

Sport | 06 aprile 2020, 09:41

Il coronavirus cancella anche la Stramandriamo, la corsa più famosa del Canavese

La decisione è stata presa "per rispetto di tutte le persone che soffrono e lottano in questo periodo di grande difficoltà"

Un momento della corsa (foto d'archivio)

Un momento della corsa (foto d'archivio)

Migliaia di partecipanti provenienti da ogni dove. Corse, sorrisi, ma anche valorizzazione del territorio. E' il potere della Stramandriamo, la corsa podistica più famosa del Canavese organizzata dall'associazione Pro Mandria. Che quest'anno non si farà.

Gli organizzatori hanno infatti deciso di annullare l'edizione 2020, prevista per il 21 giugno, "per rispetto di tutte le persone che soffrono e lottano in questo periodo di grande difficoltà".

"Pur augurandoci che per il prossimo giugno la drammatica situazione attuale possa essere in qualche maniera superata - scrive Andrea Zavattaro, dell'associazione -, ci pare inopportuno parlare di corse podistiche o della loro promozione in questo momento e infatti, proprio per questo, avevamo già sospeso l'apertura delle iscrizioni".

Quindi aggiunge: "L'organizzazione della nostra manifestazione coinvolge, oltre a migliaia di partecipanti, circa 150 soci, supportati dal personale Sanitario CRI Comitato di Chivasso, dalla protezione civile ERV, dagli Alpini, dalle associazioni di volontariato del territorio e dalle Forze dell’Ordine. In questi giorni il nostro pensiero costante e il nostro ringraziamento va proprio a tutti questi infaticabili volontari che in questi giorni stanno combattendo senza risparmiarsi e ai tantissimi amici immunodepressi che abitualmente partecipano alla nostra manifestazione con le loro associazioni".

Zavattaro sottolinea anche che "lo scenario ad oggi prevedibile non ci permette di ipotizzare le condizioni praticabilità in totale sicurezza della manifestazione e quindi ci porta a prendere questa amara decisione che reputiamo però essere l'unica percorribile con senso di responsabilità. Precisiamo infatti che, seppur ci sia stata suggerito da alcuni amici, l'eventuale posticipo della gara a data indefinita è stata ritenuta, a nostro modesto parere, un'ipotesi poco seria nei confronti degli iscritti e irrispettosa delle altre gare già calendarizzate in autunno".

 

a.g.

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium