/ Politica

Che tempo fa

Cerca nel web

Politica | 13 gennaio 2020, 11:30

Assistenti sociali, università, medici e sindacati contro l' "Allontanamento Zero":"Affido familiare aiuta, non "strappa i bimbi"

Nasce il Comitato contro la proposta ell’assessore regionale ai Bambini Chiara Caucino:"Vogliamo apertura dialogo: non è cancellando un sistema virtuoso che si tutelano i minori e i nuclei familiari in difficoltà"

Assistenti sociali, università, medici e sindacati contro l' "Allontanamento Zero":"Affido familiare aiuta, non "strappa i bimbi"

Assistenti sociali piemontesi, professori universitari, Associazione nazionale famiglie adottive e affidatarie,  medici, sindacati sulle barricate contro per il Disegno di Legge “Allontanamento Zero” della giunta Cirio. A Torino si è ufficialmente costituito un Comitato che chiede il ritiro immediato della proposta dell’assessore regionale ai Bambini Chiara Caucino, una delle prime fatte dal nuovo esecutivo, sull’onda emotiva e di cronaca dei fatti di Bibbiano.

L’affido familiare – spiega i firmatari della protesta - è volto a fornire un aiuto temporaneo al minore e alla sua famiglia ed è uno strumento concepito per non allontanare. Significa fornire a chi nasce in una condizione difficile una risorsa umana e sociale aggiuntiva e non certo a “strappare i bambini”.

Secondo il Comitato il Disegno di Legge "mina un sistema di eccellenza pubblico" e causa un “ritardo nella tutela dei minori”, così come non prevede “risorse aggiuntive” sui servizi sociali “ma solo il passaggio da un capitolo di bilancio ad un altro”. “Lo sviluppo della capacità genitoriale o il superamento di difficoltà importanti – continuano -non si risolvono in tempi brevi e comunque non compatibili con quelli dei bambini né tanto meno con un mero contributo economico. Quale destino avrà allora il 60% dei minori oggi tutelati in famiglie affidatarie, adottive o strutture di accoglienza?”.

Per queste ragioni chiediamo il ritiro della proposta di legge e l’apertura di un confronto di merito: non è cancellando un sistema virtuoso che si tutelano i minori e i nuclei familiari in difficoltà” conclude il Comitato "Zero Allontanamento zero".

A replicare il capogruppo regionale di Fratelli d'Italia Maurizio Marrone, che commenta "contro la nostra proposta si stanno mobilitando solo quelle lobby interessate, spesso anche economicamente, dal sistema dell’allontanamento selvaggio dei minori dalle loro famiglie".  

Oggi il Disegno di Legge è stato affrontato in Commissione Sanità. "L'Assessora Caucino,  - sottolinea il capogruppo regionale di LUV Marco Grimaldicon la sua maggioranza, si è schierata contro le audizioni dei numerosi soggetti che chiedono a gran voce di essere ascoltati, per affrontare le problematiche esistenti sul tema degli affidamenti". 

"Non c'è stato il tempo - aggiunge il consigliere regionale del Pd Daniele Valle - di completare i lavori della commissione di indagine, voluta da Fratelli d'Italia, troppa la fretta di piantare per primi la bandierina su un’alta montagna di propaganda.  Chi vincerà nella corsa tutta a destra? C’è fretta di chiudere entro le elezioni emiliane?”.

Lo scorso 25 luglio sulla facciata del Palazzo della Regione, in piazza Castello, era apparso anche lo striscione “Verità per Bibbiano”.

Cinzia Gatti

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium