/ Attualità

Attualità | 20 giugno 2024, 15:48

Con Apegrill aree per la biodiversità urbana a Chivasso

Una scelta in favore dell'ambiente e della tutela del nostro ecosistema

Con Apegrill aree per la biodiversità urbana a Chivasso

Con Apegrill aree per la biodiversità urbana a Chivasso

Aiuole a prato fiorito, sfalcio ridotto o differenziato e diserbo ecologico. Sono le pratiche adottate dall’Assessorato all’Ambiente e all’Agricoltura del Comune di Chivasso per promuovere la sostenibilità ambientale, la salvaguardia e l’implementazione della biodiversità urbana.

Lo sfalcio differenziato è una pratica di gestione del prato che prevede una riduzione della frequenza di taglio dell'erba. In questo modo, infatti, le piante che compongono il prato riescono a completare il loro ciclo vegetativo fino alla fioritura e alla produzione di seme. Lo sfalcio differenziato è stato praticato in precise porzioni di alcuni parchi cittadini privilegiando le aree meno fruite e anche le aree alberate, con lo scopo di mitigare l’evaporazione dell’acqua e garantire alle piante una maggior riserva idrica.

Sono interessati in questo senso i parchi di via De Gasperi, di via Mazzè, il Bricel, il Sabiunè e l’area verde di viale Vigili del Fuoco. Le aiuole seminate con miscugli di semente adatta alle api e altri impollinatori, direttamente forniti dall’associazione Aspro-miele, sono presenti nella rotatoria di via Gozzano, al Movicentro, in via Togliatti, corso Galileo Ferraris e via Demetrio Cosola.

«La questione della conservazione degli insetti impollinatori – ha detto il sindaco Claudio Castello – riveste un’importanza cruciale per il nostro ecosistema, soprattutto in relazione all’integrità della biodiversità ecologica, allo sviluppo sostenibile e alla sicurezza alimentare. Ecco perché l’amministrazione comunale di Chivasso sta prendendo una posizione concreta con azioni mirate, con l’introduzione delle aree per la biodiversità urbana, e una campagna di sensibilizzazione che sarà veicolata anche da un appuntamento partecipato come la Fiera del Beato Angelo Carletti».

«Apegrill – ha spiegato l’assessore all’Ambiente Fabrizio Debernardi - è un modo per giocare con le parole e per sintetizzare il concetto di ciò che stiamo facendo, cioè rendere il più possibile la vita “facile” alle api e agli impollinatori, sempre più minacciati dall'opera dell'uomo con attività di diserbo chimico, uso di pesticidi e fitofarmaci, sfalcio indiscriminato delle fioriture indispensabili proprio a loro. Con “Apegrill” vogliamo invertire la rotta». 

comunicato stampa

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium