ELEZIONI REGIONALI
 / Viabilità e trasporti

Viabilità e trasporti | 07 maggio 2024, 17:47

I tir trasportano la rabbia di chi guida per lavoro: "Cantieri senza fine, impossibile viaggiare con questo Risiko"

La Federazione autotrasportatori italiani di Torino chiede un tavolo in prefettura: "Il Piemonte si trova ormai isolato, tra strade, frane, autostrade e valichi. Con l'estate sarà anche peggio"

tir in viaggio

Gli autotrasportatori protestano per le condizioni di strade e autostrade

Autostrade, cantieri, frane, valichi alpini: muoversi con un mezzo a quattro (o più) ruote, ormai, è diventata un'impresa. E a lanciare l'allarme sono proprio gli addetti che, al volante, ci stanno per lavoro: la Federazione autotrasportatori italiani di Torino si rivolge infatti alla prefettura perché si istituisca un tavolo che affronti - e possibilmente risolva - il rebus che ormai, mese dopo mese, si ingarbuglia sempre di più. E, con l'arrivo dell'estate, il destino pare legato a un peggioramento.

Un tavolo per gestire i cantieri

"Una situazione drammatica, sulle autostrade piemontesi, a causa di cantieri interminabili che caratterizzeranno i prossimi mesi fino al 2025, e riguardano il nodo di Torino, i collegamenti con la Francia e tra il Piemonte e la Liguria", si legge in una nota ufficiale. E i problemi legati al Frejus, al Tenda e non solo sono ormai cronaca quotidiana. "Con i Concessionari Autostradali l’obiettivo è di condividere una pianificazione dei cantieri organizzata in modo da ridurre il più possibile l’impatto sul traffico".

Un risiko che teme l'estate

"Il Risiko delle previsioni di cantieri inamovibili e interruzioni programmate, comunicate da Ativa e Sitaf per l’estate e fino a fine anno, contribuiranno ulteriormente alle già disagiate condizioni in cui si versano  i trasporti commerciali che servono il Piemonte e la Liguria – afferma Gian Luca Timossi, segretario provinciale della FAI di Torino – un ulteriore colpo alla produttività delle imprese di autotrasporto, i cui autisti passano più tempo in coda di quello in viaggio, e all’economia di due regioni a forte vocazione logistica"

Monte Bianco, Frejus, Torino-Bardonecchia, Tenda e non solo

Il Piemonte vive una a fase di isolamento infrastrutturale ormai drammatica, i cui punti critici sono rappresentati dai valichi alpini, dall’anello tangenziale di Torino e dal collegamento con Liguria e Lombardia – sottolinea Enzo Pompilio D’Alicandro, presidente di FAI Torino, oltre a essere vicepresidente della Camera di Commercio di Torino - Al Traforo del Monte Bianco sono in programma frequenti chiusure dovute ai lavori di manutenzione, al Traforo del Frejus è stata realizzata la seconda canna, ma non è ancora in esercizio; il tratto autostradale tra Torino e Bardonecchia è oggetto di una continua attività di manutenzione straordinaria, con enormi disagi per la circolazione".

"I valichi a sud ed ovest verso la Francia continuano ad essere interdetti (Colle del Tenda) o con forti limitazioni (Maddalena - Monginevro - Moncenisio). Per non parlare della Tangenziale di Torino, anello incompleto e mancante della tratta ad Est, e dell’altrettanto critica situazione delle autostrade di collegamento con la Liguria - ha concluso il presidente di FAI Torino - Una situazione che non è più tollerabile e che rischia di vanificare buona parte delle opportunità di sviluppo economico e sociale del Piemonte nei prossimi anni".

Massimiliano Sciullo

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium