ELEZIONI REGIONALI
 / Politica

Politica | 06 aprile 2024, 17:01

Il Movimento 5 Stelle lancia la corsa alla Regione con Sarah Disabato: "Recuperiamo il gap del malgoverno"

La coordinatrice regionale punta su diritto alla salute, al lavoro, allo studio: "Cirio è in campagna elettorale da 5 anni ma non ha dato risposte ai cittadini"

Il Movimento 5 Stelle lancia la corsa alla Regione con Sarah Disabato: "Recuperiamo il gap del malgoverno"

Dopo la rottura con il Partito Democratico sul campo largo, il Movimento 5 Stelle ha scelto la coordinatrice regionale Sarah Disabato come candidata alla presidenza della Regione Piemonte.

Sanità e liste d'attesa

Disabato ha lanciato la sfida al centro destra attaccando direttamente il governatore Alberto Cirio e annunciando di puntare forte sui diritti, soprattutto quello alla salute: "Cirio - ha dichiarato - è in campagna elettorale da 5 anni ma non ha dato risposte ai cittadini, recupereremo il gap provocato dal malgoverno. Sulla sanità, il Piemonte è fanalino di coda a livello nazionale: sull'edilizia sanitaria si tagliano solo nastri senza garantire servizi pubblici, svendendo il patrimonio edilizio pubblico ai privati senza posare una pietra per i nuovi ospedali. Le liste d'attesa, inoltre, sono provocate dalla disorganizzazione e dalla superficialità di un governo che vive alla giornata; noi proporremmo un vero e proprio piano di rilancio del sistema sanitario regionale".

Priorità lavoro e studio

Attenzione è stata rivolta anche ai temi del lavoro e dello studio: "I lavoratori - ha proseguito - sono stati lasciati soli e abbandonati a fronte di aziende che delocalizzano e rinunciano alla responsabilità sociale: dobbiamo impegnarci sul sostegno al reddito e sul sostegno ai cassintegrati. Non è possibile, inoltre, che le borse di studio arrivino in ritardo e in modo contingentato".

Di Sabato e le Pari Opportunità: "Sì al registro delle coppie omogenitoriali"

Uno degli aspetti principali è sicuramente quello legato alle pari opportunità: "Porteremo in Regione - ha ancora aggiunto - il modello del registro delle coppie omogenitoriali. Il Piemonte sta prendendo una brutta piega attaccando la libertà e l'autodeterminazione delle donne contrastando il diritto all'aborto: noi aboliremo il fondo vita nascente perché considera la donna come oggetto per procreare, oltre a essere una marchetta per associazioni amiche". Altri punti toccati sono quelli dell'ambiente e della mobilità sostenibile".

 

Di Sabato: "Mettiamo al centro i programmi"

Disabato ha infine rimarcato la differenza del Movimento 5 Stelle rispetto ai contendenti: "Si tratta - ha aggiunto - di una candidatura identitaria, noi mettiamo al centro i programmi con una grande responsabilità e senso di appartenenza che sento di condividere con i miei compagni di squadra".

Appendino battezza Disabato: "Non molla mai"

"Sarah Disabato è la persona giusta perché non molla mai": a "battezzare" in questo modo la candidata del Movimento 5 Stelle alla guida del Piemonte è la deputata ed ex sindaca di Torino Chiara Appendino.
Appendino ha celebrato la coordinatrice e capogruppo regionale ribadendo la priorità della sanità: "È una donna tenace, conosce la macchina regionale e sa fare squadra, per cui si tratta di una candidatura naturale: adesso inizierà un percorso nuovo con grande entusiasmo, dobbiamo far sì che la sanità non sia un bene di lusso ma un diritto di tutti".

Appendino: "Il Piemonte ha bisogno di una guida"

La sfida agli avversari Cirio e Pentenero è diretta: "Il Piemonte - ha proseguito - ha bisogno di una guida nuova perché non sta bene: la povertà sta aumentando ed essere al fianco dei più fragili è la cosa giusta anche se non porta voti. Chi ha ridotto così la regione negli ultimi anni non può dare le risposte giuste".

Marco Berton

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium