/ Economia e lavoro

Economia e lavoro | 14 marzo 2024, 07:00

I piemontesi vogliono lavorare 4 giorni a settimana: lo pensa un lavoratore su due

Secondo la ricerca di ADP Research Institute, la maggioranza delle persone nella nostra regione vorrebbe un maggiore bilanciamento tra vita privata e professionale, anche a costo di stare in ufficio 10 ore invece di 8

uomo che lavora al computer

Un piemontese su due vorrebbe lavorare 4 giorni a settimana

Settimana corta, anzi: cortissima. E' quello che sogna quasi un piemontese su due. Lo dice l'ultima ricerca condotta dall'istituto di ricerca ADP. I lavoratori della nostra regione desiderano maggiore flessibilità nella loro vita lavorativa: smart working, organizzazione personalizzata delle ore e del luogo di lavoro, ma soprattutto il passaggio a una settimana lavorativa di quattro giorni. Il tutto in un’ottica di miglioramento del proprio bilanciamento tra vita privata e professionale.

Il desiderio del 54% dei piemontesi

La ricerca (che è stata condotta in 17 Paesi) dimostra come il 54% degli intervistati sarebbe d’accordo di passare a una settimana lavorativa di 4 giorni, arrivando così a lavorare 10 ore al giorno pur di avere un giorno libero in più a settimana. Non solo, nei prossimi 5 anni il 17% dei lavoratori piemontesi pensa che ci sarà piena flessibilità di orari e luoghi e il lavoro sarà giudicato dai risultati ottenuti.

Lavorare da un posto qualunque nel mondo

Ma non finisce qui: il 12% pensa anche che sarà possibile lavorare da qualsiasi parte del mondo senza problemi e questo comporterà un maggiore e attento monitoraggio da parte dei datori di lavoro (19%). Per il 15% vi sarà una diminuzione del lavoro manuale a causa dell’AI e per il 7% le ferie diventeranno non più giorni fissi ma saranno a discrezione del lavoratore (sempre in un’ottica di lavoro basato sui risultati raggiunti).

In Italia, tre lavoratori su dieci (30%) puntano ancora sull'importanza dell'orario flessibile. I lavoratori in modalità "ibrida" sono più soddisfatti della flessibilità di cui godono (85%), mentre tra chi si reca tutti i giorni in ufficio è insoddisfatto 1 lavoratore su 4. Il lavoro da remoto sta assumendo un respiro sempre più internazionale: il 25% dei lavoratori dichiara di non avere restrizioni sul luogo e quindi di poter lavorare ovunque, anche dall’estero, il 17% ha flessibilità sia di orari sia di spazi ma il 45% afferma di doversi ancora recare in ufficio tutti i giorni, mentre rimane in modalità ibrida il 34%. Significa che c’è ancora molto da fare in questo senso: la flessibilità è fondamentale per attrarre i migliori talenti”, afferma Marcela Uribe, general manager ADP Southern Europe.

Massimiliano Sciullo

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium