ELEZIONI REGIONALI
 / Economia e lavoro

Economia e lavoro | 16 settembre 2023, 11:13

Il timore di Cia: "Siccità e prezzi bassi stanno mettendo fuori mercato le nocciole piemontesi"

Il presidente Carenini: "A rischio il futuro delle coltivazioni di una delle prelibatezze del nostro territorio"

nocciola - foto d'archivio

Il timore di Cia: "Siccità e prezzi bassi stanno mettendo fuori mercato le nocciole piemontesi"

Al termine dell’analisi svolta nella riunione dei giorni scorsi, la Giunta regionale di Cia Agricoltori italiani del Piemonte esprime forte preoccupazione per la situazione del mercato delle nocciole tradizionali piemontesi, che si trovano ad affrontare una crisi senza precedenti.

"La siccità e il sensibile calo delle produzioni – osserva il presidente regionale di Cia Agricoltori italiani del Piemonte, Gabriele Carenini – stanno mettendo fuori gioco la coltivazione della Nocciola Igp Piemonte, con gravi rischi per le aziende agricole che in questi anni hanno investito in questo settore. Il clima siccitoso e straordinariamente caldo ha mandato in sofferenza le piante, riducendo la produzione fino al 30-40 per cento rispetto alle altre annate. Il prezzo è diventato insufficiente a remunerare le spese, serve un aumento delle quotazioni di almeno il 30 per cento, altrimenti molti impianti finiranno fuori mercato".

In particolare, sul fronte del prezzo Cia Piemonte giudica come un pessimo segnale il fatto che alla tradizionale Fiera della nocciola di Castagnole quest’anno non sia emersa l’indicazione delle quotazioni di mercato: "Vuol dire – spiega Carenini – che il mercato non è più locale, ma globale e che quindi non si sa chi determini le quotazioni. Per le aziende piemontesi che coltivano la Tonda Gentile Trilobata, una quotazione “globale” non è accettabile, perché non tiene conto delle particolari qualità e condizioni di produzioni di questa pregiata varietà di nocciole, che notoriamente non ha rese elevatissime e non può competere con le varietà da produzione intensiva. Se non raggiunge una quotazione almeno tra i 300 e 360 euro al quintale, la produzione della Nocciola Piemonte Igp, soprattutto nelle zone collinari più periferiche, che in questa coltivazione avevano trovato uno sbocco lavorativo altrimenti difficile, in questo momento non è più sostenibile".

comunicato stampa

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium