/ Sport

Sport | 06 novembre 2022, 14:42

L'erede di Valentino Rossi arriva da Chivasso, Pecco Bagnaia nuovo re della MotoGp. La festa in piazza D'Armi [VIDEO]

Il pilota Ducati è il primo italiano a riuscirci dopo 13 anni: coronata una rimonta da record ai danni del francese Quartararo. E in città è esploso l'entusiasmo

francesco pecco bagnaia e festa tifosi

Arriva da Chivasso l'erede di Valentino Rossi, Pecco Bagnaia nuovo re della MotoGp

A giugno sembrava una missione impossibile, con il leader della classifica (e campione in carica) Fabio Quartararo distante 91 punti. Invece, mattone dopo mattone, vittoria dopo vittoria, risultato dopo risultato, il sogno è diventato realtà. E Bagnaia, l'allievo di Valentino Ross(giunto a Valencia per tifare per lui), ha superato il maestro, diventando il primo italiano a vincere il titolo iridato della MotoGp dopo 13 anni.

L'erede del dottor Rossi

Là dove non erano riusciti il Dottore (nella fase finale della carriera), Marco Melandri e Andrea Dovizioso, è arrivato Francesco 'Pecco' Bagnaia da Chivasso. A 25 anni, con la sua Ducati, ha rinnovato un binomio vincente come non capitava da mezzo secolo e dalla leggenda Giacomo Agostini, che nel 1972 trionfò in sella alla Mv Augusta, pilota italiano su moto italiana. Quando ci aveva provato Vale Rossi una decina di anni fa era stato un mezzo disastro, invece le caratteristiche di guida di Pecco (il soprannome nasce dal fatto che sorella, da piccola, non riusciva a dire giusto il suo nome, ndr) si sposano alla perfezione con quelle del mezzo progettato a Borgo Panigale.

Pilota italiano su moto italiana, come Agostini

Era da quindici anni, dai tempi dell'australiano volante Casey Stoner, che la Ducati non vinceva il titolo mondiale nella classe regina. Ci è riuscita con Bagnaia, che si è laureato campione su quella pista stessa di Valencia che nella storia dei colori italiani non aveva portato a tanti nostri alfieri nel recente passato. Ma dopo il successo di due settimane fa a Sepang, Pecco aveva un margine di ben 23 punti e nell'ultima gara è stato sufficiente fare il ragioniere per condurre in porto la missione mondiale: con mamma Stefania, papà Pietro, il fratellino Filippo, la sorella Carola e la fidanzata Domizia Castagnini (nipote dell'ex calciatore juventino Leoncini) a fare festa con Pecco subito dopo la fine della gara, nel paddock. E adesso tutta Italia può celebrare il suo trionfo.

La gioia di tutta Chivasso

Ed è festa grande soprattutto a Chivasso, dove è stato allestito un mega schermo in piazza D'Armi per assistere alla gara decisiva del Mondiale, mentre il 'Pecco Fan Club' del presidente Luca Cena ha mandato alcune decine di tifosi a Valencia, con tanto di striscione della "Nuvola Rossa" che ha colorato una parte delle tribune. Se la corsa di Sepang era stato un batticuore durato fino alla bandiera a scacchi, con la speranza di festeggiare in anticipo vanificata dal podio del rivale Quartararo, questa è stata poco più di una formalità, visto l'enorme vantaggio con cui partiva Pecco, cui è bastato un semplice piazzamento per diventare campione.

A 25 anni già una lunga carriera

Bagnaia inizia a farsi notare nelle categorie Minimoto e MiniGP, della quale diventa campione europeo nel 2009, l'anno seguente corre nel campionato mediterraneo 125 PreGP, concludendo secondo. Nel 2011 e nel 2012 prende parte al campionato spagnolo velocità, classificandosi al terzo posto finale, prima nella classe 125 e poi nella classe Moto3, e ottenendo in ciascuna stagione una vittoria in gara.

Nel 2013 arriva il debutto nel motomondiale, in Moto3, essendo stato individuato come uno dei primi piloti su cui puntare dalla VR46 Riders Academy di Valentino Rossi, poi il passaggio in Moto2, dove nel 2018 si laurea campione del mondo. L'anno successivo c'è il passaggio nella classe classe regina: i primi podi, le prime vittorie, il titolo sfiorato nel 2021 prima della gloria odierna. Con l'ambizione di fare di questo titolo in Motogp non un punto di arrivo ma di partenza verso altri trionfi.

I complimenti di Cirio e Lo Russo

"Grandissimo Francesco Bagnaia, nuovo campione del mondo di MotoGP - commenta il sindaco di Torino, Stefano Lo Russo - Complimenti Pecco: ti aspettiamo nella tua città per celebrare questa grandissima vittoria che ci riempie di orgoglio!". E Il governatore del Piemonte, Alberto Cirio, aggiunge: "Pecco siamo emozionati, felici e stra orgogliosi…Nell’anno in cui il Piemonte è Regione europea dello sport, tu ci porti sul tetto del mondo".

Massimo De Marzi

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium