/ Economia e lavoro

Che tempo fa

Cerca nel web

Economia e lavoro | 17 marzo 2020, 12:40

Coronavirus, stravolti viaggi e spostamenti: Booking attiva la procedura per cancellazioni dovute a "causa di forza maggiore"

Un'informazione di pubblica utilità per gli albergatori e per chi aveva programmato un viaggio. Ecco in quali Paesi è in vigore la procedura

Coronavirus, stravolti viaggi e spostamenti: Booking attiva la procedura per cancellazioni dovute a "causa di forza maggiore"

Booking.com, il sito di prenotazioni online attivo in tutto il mondo, con oltre 3milioni di strutture prenotabili, si è attivato per dare una risposta ai suoi partner e clienti in un momento che ha completamente stravolto gli spostamenti e i viaggi a livello globale.

Dall'inizio della crisi per il Coronavirus, è stato proprio il settore del turismo a subire i maggiori contraccolpi, fin da subito.

I viaggi in alcune zone del mondo, al momento, sono infatti vietati o possono subire modifiche significative.

Booking ha attivato la procedura per "cause di forza maggiore". Ci sono infatti restrizioni al momento attive in più di 60 Paesi, che possono includere il divieto di immigrazione, l'obbligo di quarantena all'arrivo o la sospensione del visto rilasciato all'arrivo. 

I partner vengono invitati a rimborsare eventuali pagamenti anticipati già ricevuto e annullare i costi di cancellazione (penali, spese e/o altri importi) nei casi in cui il cliente avesse richiesto la cancellazione per cause di forza maggiore. In questi casi, Booking.com non applicherà la commissione.

Ecco quali sono i Paesi inclusi in questa nuova procedura, che al momento si applica solo in alcuni territori ai viaggi nazionali. In Italia, per esempio, è valida.

Riportiamo le indicazioni comunicate da Booking a tutte le strutture presenti sul suo portale

Spagna

Tutte le prenotazioni per strutture in Spagna o effettuate da viaggiatori provenienti dalla Spagna (incluse le Isole Canarie e le Isole Baleari), con check-in tra il 14 marzo 2020 e il 29 marzo 2020 (incluso), a esclusione dei viaggiatori che stanno eseguendo le attività elencate nell’articolo 7 del decreto governativo ufficiale.

Argentina

Tutte le prenotazioni per strutture in Argentina effettuate da viaggiatori provenienti da Stati Uniti, Giappone, Corea del Sud, Paesi europei e dell’Area Schengen con check-in tra il 14 marzo e l’11 aprile 2020 (incluso).

Arabia Saudita

Tutte le prenotazioni effettuate per strutture situate in Arabia Saudita o da viaggiatori provenienti dall'Arabia Saudita, con check-in tra il 15 marzo e il 29 marzo 2020 (incluso).

Turchia

- Tutte le prenotazioni effettuate da viaggiatori provenienti dalla Turchia per strutture in Cina, Corea del Sud, Iran, Italia, Germania, Francia, Spagna, Norvegia, Danimarca, Austria, Svezia, Belgio Paesi Bassi con check-in tra il 14 marzo 2020 e il 17 aprile 2020 (incluso).

- Tutte le prenotazioni per strutture in Turchia da viaggiatori provenienti dalla Cina, Corea del Sud, Iran, Italia, Germania, Francia, Spagna, Norvegia, Danimarca, Austria, Svezia, Belgio o Paesi Bassi con check-in tra il 14 marzo 2020 e il 17 aprile 2020 (incluso).

Repubblica Ceca

- Tutte le prenotazioni per strutture nella Repubblica Ceca con check-in tra il 12 marzo 2020 e l’11 aprile 2020 (incluso).

- Tutte le prenotazioni effettuate da viaggiatori provenienti dalla Repubblica Ceca con check-in tra il 17 marzo 2020 e il 31 marzo 2020 (incluso).

Norvegia

Tutte le prenotazioni per strutture in Norvegia con check-in tra il 13 marzo 2020 e il 31 marzo 2020 (incluso).

Danimarca

Tutte le prenotazioni per strutture in Danimarca con check-in tra il 14 marzo 2020 e il 13 aprile 2020 (incluso).

Slovacchia

Tutte le prenotazioni per strutture in Slovacchia con check-in tra il 14 marzo 2020 e il 31 marzo 2020 (incluso).

Polonia

Tutte le prenotazioni per strutture in Polonia con check-in tra il 15 marzo 2020 e il 24 marzo 2020 (incluso).

Ucraina

Tutte le prenotazioni per strutture in Ucraina con check-in tra il 16 marzo 2020 e il 3 aprile 2020 (incluso).

Singapore

Tutte le prenotazioni per strutture di Singapore effettuate da viaggiatori provenienti da Italia, Francia, Spagna o Germania, con check-in tra il 16 marzo 2020 e il 31 marzo 2020 (incluso).

Stati Uniti

- Tutte le prenotazioni per strutture negli Stati Uniti effettuate da viaggiatori di ciascuno dei 26 Paesi dell'Area Schengen* o da viaggiatori che sono stati nell'Area Schengen negli ultimi 14 giorni, con check-in tra sabato 14 marzo 2020 e martedì 14 aprile 2020 (incluso). I cittadini americani, gli individui in possesso di regolare residenza permanente negli USA e le loro famiglie sono escluse da queste restrizioni di viaggio.

*Paesi dell'Area Schengen: Austria, Belgio, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Islanda, Italia, Lettonia, Liechtenstein, Lituania, Lussemburgo, Malta, Norvegia, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Svizzera, Ungheria.

- Tutte le prenotazioni effettuate per strutture negli Stati Uniti da viaggiatori provenienti da Irlanda e Regno Unito, o da viaggiatori che sono stati in questi Paesi negli ultimi 14 giorni, con check-in tra martedì 17 aprile 2020 e martedì 14 aprile 2020 (incluso). I cittadini americani, gli individui in possesso di regolare residenza permanente negli USA e le loro famiglie sono escluse da queste restrizioni di viaggio.

Israele

Tutte le prenotazioni per strutture in Israele con check-in tra il 12 marzo 2020 e il 31 marzo 2020 (incluso).

India

Tutte le prenotazioni per strutture in India con check-in tra venerdì 13 marzo (ore 12:00 GMT) e mercoledì 15 aprile 2020 (incluso).

Italia

Tutte le prenotazioni effettuate per strutture situate in Italia o da viaggiatori provenienti dall'Italia, con check-in il 3 aprile 2020 o in date precedenti. Anche i viaggi all’interno del territorio italiano sono soggetti alle procedure per cause di forza maggiore.

Corea del Sud

Tutte le prenotazioni con check-in il 31 marzo 2020 o in date precedenti ed effettuate per strutture ricettive situate in, o da viaggiatori provenienti da, le località di Daegu e Contea di Cheongdo nella Corea del Sud. Anche i viaggi all’interno di questi territori sono soggetti alle procedure per cause di forza maggiore.

Nuova Zelanda

Tutte le prenotazioni effettuate per strutture situate in Nuova Zelanda da viaggiatori provenienti dalla Cina Continentale o dall’Iran, o di passaggio in questi Paesi, con check-in dal 16 marzo fino al 31 marzo 2020 (incluso).

Cina Continentale

Tutte le prenotazioni effettuate per strutture situate nella Cina Continentale o da viaggiatori provenienti dalla Cina Continentale, con check-in il 31 marzo 2020 o in date precedenti. Anche i viaggi all’interno della provincia di Hubei sono soggetti alle procedure per cause di forza maggiore.

Tutte le prenotazioni interessate dal Coronavirus

Le prenotazioni effettuate da viaggiatori:

- che hanno visitato un’area colpita dal Coronavirus;

- a cui è stato in seguito negato l’ingresso nel Paese nel quale intendevano recarsi;

- che sono stati messi in quarantena all’arrivo e/o al ritorno;

- a cui è stato sospeso il visto all’arrivo.

Oltre alle aree sopramenzionate, le procedure per cause di forza maggiore vengono applicate anche a casi individuali in cui un viaggiatore sia stato impossibilitato a viaggiare/soggiornare (per es. per frequentazione di ambienti infetti in un hotel situato in una zona non menzionata in questa comunicazione).

Bsimonelli

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium