ELEZIONI REGIONALI
 / Economia e lavoro

Economia e lavoro | 03 maggio 2024, 12:05

Il Giro parla torinese con Raspini: "Dopo il 2007, speriamo in una nuova partenza dal nostro stabilimento"

A poche ore dal via dell'edizione 2024 la Corsa Rosa abbraccia uno dei suoi partner ufficiali. "Condividiamo i valori e ciò che la Corsa rappresenta"

Il Giro parla torinese con Raspini

Il Giro parla torinese con Raspini

Torino e il Piemonte si tingono sempre più di rosa. Merito del Giro d'Italia 2024, che domani parte da Venaria e arriva all'ombra della Gran Madre per la sua tappa inaugurale. E al seguito della Carovana dei corridori ci sarà anche Raspini, uno dei partner ufficiali della competizione. Un legame storico, visto che nel 2007 la tappa con la cima Coppi arrivò a Briancon, ma partì proprio dallo stabilimento Raspini di Scalenghe. "E non è detto che non ricapiti in futuro, noi siamo sempre molto vicini al Giro e il ciclismo in particolare è molto radicato in Piemonte", dice il presidente onorario, Umberto Raspini

Il Giro lo conosce bene Vincenzo Nibali, due volte vincitore della corsa rosa. "È l'essenza del ciclismo. Nel 2016 a Cuneo indossai la maglia rosa per la prima volta e arrivai a Torino in Rosa, con una grande accoglienza. In sella alla bici ho potuto godere di grandi emozioni e scoprire bellezze incredibili".

"Abbiamo scelto Torino e il Piemonte anche cogliendo l'occasione del 4 maggio per rendere omaggio al Grande Torino, che come il Giro ha raccontato un pezzo importante d'Italia", dice Paolo Bellino, ad di Rcs sport. "Siamo riusciti a fare un bellissimo percorso, realizzando una tappa subito importante, per poi ampliare la scoperta a tante altre parti affascinanti del Piemonte. Per me, che sono torinese, è un grande onore".

"Scegliere il Giro d'Italia è stato facile. Siamo appassionati e condividiamo gli stessi valori - spiega Guido Zuffa, direttore generale di Raspini - Il Giro è trasversale, parla ai giovani e alle generazioni più adulte e tocca anche il nostro target di riferimento. Siamo felici e speriamo in un grande successo".

E al fianco di Raspini c'è FraDiavolo, rappresentato dal marketing director Salvatore Scarfò. "Vogliamo diventare la prima catena italiana di pizzerie al mondo e vogliamo farlo con Raspini. Non è facile, ma puntiamo a riuscire. E presto apriremo negli Usa, puntando ad arrivare a 500 locali in tutto il mondo".

Massimiliano Sciullo

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium