/ Attualità

Attualità | 18 marzo 2024, 09:31

Al Comune di Chivasso si lavora alla nuova edizione della Fiera regionale del Beato Angelo Carletti.

Il sindaco Castello: “L’obiettivo è quello di incentivare la partecipazione di nuovi espositori e di fidelizzare con chi ha dato valore all’evento"

Al Comune di Chivasso si lavora alla nuova edizione della Fiera regionale del Beato Angelo Carletti.

Si è già messa in moto la macchina organizzativa per la Fiera regionale del Beato Angelo Carletti. Dopo aver approvato il nuovo disciplinare, la Giunta Castello ha deliberato gli indirizzi operativi per le prossime edizioni dell’esposizione agricola e zootecnica che si terrà, come tradizione, l’ultimo mercoledì di agosto nel parco del Mauriziano di Chivasso. 

“L’obiettivo – ha spiegato il sindaco Claudio Castello - è quello di incentivare la partecipazione di nuovi espositori e di fidelizzare con chi ha dato valore all’evento, introducendo più postazioni ed accorgimenti per rilanciare la Fiera, rendendola sempre più fruibile ed attrattiva per la gente”.

Nel solco dell’identità storica dell’evento chivassese, si mira innanzitutto ad offrire agli operatori del settore agricolo servizi efficienti ed una vetrina prestigiosa per le novità dei vari comparti. Le finalità prefissate avranno anche lo scopo di sensibilizzare i visitatori sui valori dell’agroalimentare: dalla sostenibilità ambientale al benessere collettivo. 

"Ringrazio gli uffici comunali per il supporto all’elaborazione del documento approvato in Giunta – ha detto l’assessore al Commercio, Fiere, Mercati e Turismo Chiara Casalino -,  perché gli indirizzi operativi, come il disciplinare, danno piena attuazione all'impegno, avviato lo scorso anno, di ridisegnare la Fiera, dandole un contenuto caratterizzante ed attrattivo ad ogni edizione, e di promuovere maggiormente lo spazio per gli espositori e per gli appuntamenti che si svolgono lungo tutta la giornata dell’ultimo mercoledì di agosto nel parco del Mauriziano".

Confermati gli elementi che nel 2023 sono stati particolarmente apprezzati: workshop, conferenze, laboratori, dimostrazioni interattive per bambini e famiglie. Tra le novità, si sta valutando l’idea di una mostra sugli antichi mestieri legati alla vita contadina e ad ogni edizione della Fiera infine sarà dato un tema conduttore. Per il 2024 si pensa a “Il mondo delle api e il loro valore per l’agricoltura e i diversi ecosistemi”, con un’area dedicata. "Un tema sempre più pressante in un mondo che subisce forti cambiamenti climatici, così come le conseguenze dei prodotti chimici usati in agricoltura – ha sottolineato in merito l’assessore all’Ambiente Fabrizio Debernardi -. Dobbiamo e vogliamo aumentare la sensibilità per garantire la sopravvivenza di questi insetti che sono indispensabili per le nostre stesse vite"

comunicato stampa

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium