/ Economia e lavoro

Economia e lavoro | 15 dicembre 2023, 07:00

Non solo export, l'auto e Torino trainano il Piemonte anche in tempi di guerra e crisi

I mezzi di trasporto nel terzo trimestre dell'anno registrano un +6,1%. Oltre al capoluogo, solo Cuneo e Vco restano in campo positivo. Ma le banche assicurano: "Le imprese continuano a investire"

Mole antonelliana

Anche la congiuntura piemontese conferma il ruolo trainante di Torino e del comparto auto

Se due indizi non bastano a fare una prova, sono già utili a formarsi una convinzione: il Piemonte sta frenando. Dopo i dati sull'export delle scorse ore, infatti, con un terzo trimestre che aveva rallentato tanto da fare segnare un -1,1%, anche la produzione industriale nello stesso periodo dell'anno ha smesso di correre. Tanto che il dato si limita a un +1% rispetto allo stesso periodo dell'anno passato. La crescita acquisita per il 2023, quella che si otterrebbe se l’ultimo trimestre dell’anno registrasse una variazione nulla, risulta quindi pari al +1,3%.

"Rallentamento generale a causa della situazione internazionale"

Lo dicono i dati di Unioncamere Piemonte, anche se il dato complessivo è frutto di componenti diverse, con performance distanti tra loro. Se i mezzi di trasporto continuano ad andare bene (altra conferma rispetto ai dati dell'export), altri comparti iniziano a soffrire. "Si registra purtroppo un rallentamento generale - dice il presidente di Unioncamere Piemonte, Gian Paolo Coscia - segnando performance negative nel tessile-abbigliamento, nell’alimentare e nel settore legno. Un andamento atteso, che non è facilitato da un quadro socio-politico internazionale incerto"

Il rallentamento della produzione è accompagnato da un incremento degli ordinativi del 2,8%, con una spinta particolarmente forte degli ordinativi esteri (+5,6%) e uno sviluppo più contenuto di quelli interni (+2,1%). Il fatturato totale segna una crescita del 1,5%, anche in questo caso frutto soprattutto delle performance sul mercato estero (+2,4%). Il grado di utilizzo degli impianti è sceso dal 69,1% del III trimestre 2022 al 64,4% del periodo luglio-settembre 2023.

Tutti al traino dei mezzi di trasporto

Come detto, i mezzi di trasporto (auto, ma anche componentistica) segnano un +6,1%, ma fa bene anche la meccanica (+4,3%). Sopra il dato regionale anche elettricità e dell’elettronica (+1,4%), mentre si muove lentamente in territorio positivo il comparto dei Metalli (+0,5%). Sostanzialmente stabile la produzione delle industrie chimiche e della gomma plastica (+0,1%), mentre iniziano a risentire del difficile momento congiunturale le aziende del comparto alimentare che segnano un calo dello 0,8%, le imprese del legno del mobile (-1,2%) e del tessile e abbigliamento (-1,4%).

Torino meglio di tutti, poi solo Cuneo e Vco

Torino, così come per le esportazioni, registra la crescita più elevata (+2,7%), seguita da Cuneo (+1,4%), e dal Verbano Cusio Ossola (+0,9%). La manifattura alessandrina, penalizzata dal risultato dell’industria alimentare, si accontenta di un +0,7%. Mentre tutto il resto gira in negativo: Asti, nonostante la buona performance registrata dal comparto delle bevande, segna un calo dello 0,9%. Segue, a poca distanza, Novara, con una flessione dell’1,1%, portata dai cali segnati dal comparto alimentare, da quello tessile e da quello chimico. Il risultato peggiore appartiene al biellese che, con un comparto tessile in forte contrazione, segna una flessione complessiva dell’1,8%.

Le aziende però continuano a investire

Il settore manifatturiero piemontese è in frenata a causa di una congiuntura economica non particolarmente positiva - commenta la regional manager Nord Ovest di UniCredit, Paola Garibotti -. Ciononostante, nei primi nove mesi del 2023, UniCredit nel Nord Ovest ha finanziato le aziende per oltre 713 milioni di euro. Il totale delle nuove erogazioni è pari a quasi un miliardo e duecento mila euro. Dal nostro osservatorio privilegiato, denotiamo che gli imprenditori continuano a investire, soprattutto per migliorare efficienza e competitività della propria azienda diventando più green, ma fanno ricorso all’autofinanziamento, oltre che al credito bancario”.

Sostenibilità, digitalizzazione e internazionalizzazione – conferma Stefano Cappellari, direttore regionale Piemonte Nord, Valle d’Aosta e Sardegna di Intesa Sanpaolo – sono i driver per la crescita che sosteniamo con convinzione, assieme agli investimenti per la transizione green e ai rapporti di filiera. Il rallentamento in questo terzo trimestre era atteso, ma la capacità competitiva dei nostri distretti è comunque solida. Il bilancio di fine anno sarà complessivamente buono per il Piemonte, quarta regione italiana per export. Siamo al fianco delle imprese per sostenere la crescita”.

Massimiliano Sciullo

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium