/ Economia e lavoro

Economia e lavoro | 14 agosto 2022, 07:00

Siccità e aumenti energetici, aziende agricole allo stremo: "Stop alle rate dei mutui, dateci finanziamenti ad hoc"

La richiesta di Coldiretti Piemonte: "Serve atto di responsabilità da parte degli istituti di credito"

foto d'archivio

Siccità e aumenti energetici, aziende agricole allo stremo, Coldiretti chiede atto di responsabilità a banche

Il momento per l'agricoltura è delicatissimo. Alla siccità prolungata si è aggiunta nelle scorse ore la grandine che ha flagellato molte zone della Regione.

Ed allora Coldiretti Piemonte scende in campo, chiedendo alla banche un atto di responsabilità, in una fase tanto delicata.

Finanziamenti ad hoc per le imprese agricole

Alla luce del significativo ed, in alcuni casi, incontrollato oltre che ingiustificato incremento dei costi dei fattori produttivi, a cui si associa una riduzione dei consumi a causa dell’impennata dell’inflazione, nonché il perdurare della siccità, chiediamo al sistema bancario di prevedere dei finanziamenti ad hoc per le aziende  che stanno subendo gravi danni,  anche per effetto della diminuzione delle rese ed il taglio dei raccolti che va dal 50% per il mais, fino al 30% del grano, dal 30 al 100% del riso. La crisi idrica sta provocando, inoltre, un calo dei foraggi per il bestiame e del 20-30% della produzione di latte, tipico durante l’estate ma non di questa entità. Tutti questi fattori hanno determinato una condizione d’instabilità che rischia di stritolare le imprese agricole e l’intero sistema economico, considerando la valenza strategica che riveste l’agricoltura in Piemonte ed il valore aggiunto che è in grado di generare”. E’ quanto affermano Roberto Moncalvo Presidente di Coldiretti Piemonte e Bruno Rivarossa Delegato Confederale rispetto all’attenzione necessaria, in questo momento particolare, da parte degli istituti di credito nei confronti delle aziende agricole piemontesi.  

La richiesta: "Sospendere per un anno le rate dei mutui"

Come anche – proseguono Moncalvo e Rivarossa – auspichiamo la sospensione del pagamento delle rate in scadenza nei prossimi 12 mesi, l’allungamento della durata dei finanziamenti a breve termine in corso, ovvero una maggiore flessibilità che possa permettere di superare una condizione temporanea di tensione in termini di liquidità, visto il particolare momento di destabilizzazione che contraddistingue il mercato. Si tratterebbe di un atto di responsabilità sociale da parte delle banche verso il territorio ed il mondo agricolo, come anche auspichiamo in un sostegno da parte della regione Piemonte vista la prospettiva d’aumento del costo del denaro”.

redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium