/ Cronaca

Cronaca | 26 maggio 2022, 15:03

Strage di Rivarolo, per i periti Renzo Tarabella non può essere processato per le sue condizioni di salute

L'uomo uccise il figlio disabile, la moglie e due vicini casa, prima di tentare il suicidio: possibile il non luogo a procedere

foto d'archivio

Strage di Rivarolo, per i periti Renzo Tarabella non può andare a processo

Renzo Tarabella potrebbe non andare a processo per la strage di Rivarolo Canavese. E' quanto emerso dall'esito della perizia psichiatrica redatta dalla dottoressa De Rosa alla quale l'uomo è stato sottoposto.

L'eccidio il 10 aprile dello scorso anno

Tarabella il 10 aprile dello scorso anno sparò uccidendo la moglie Maria Grazia Valovatto, il figlio disabile Wilson e i vicini di casa Osvaldo Dighera e Liliana Heidempergher. Scampato al suicidio, l'uomo è ancora detenuto nel repartino dell'ospedale Molinette.

Secondo la perizia, discussa questa mattina in tribunale a Ivrea, Tarabella era probabilmente capace di intendere e di volere al momento della strage ma oggi non è in grado di stare in giudizio a causa dell'aggravamento delle sue condizioni di salute.

Possibile il non luogo a procedere

Con questo quadro è probabile si vada verso il non luogo a procedere a meno che non migliorino repentinamente le condizioni dell'uomo.

L'udienza è stata aggiornata al 16 giugno per dare modo al perito di completare un supplemento di indagine relativo alla pericolosità sociale del pensionato che, se confermata, rinvierà di sei mesi il procedimento.

redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium