/ Economia e lavoro

Economia e lavoro | 01 maggio 2021, 10:40

Primo Maggio a Torino, l'appello di Nosiglia: "I lavoratori siano partecipi nelle scelte delle aziende per cui operano" [FOTO]

Cerimonia in forma ristretta presso la sala Carpanini del Comune: "Ripartire si può: che questa sia l'ultima Festa con limitazioni". Appendino: "Ripensare i modelli produttivi, ma anche quelli redistributivi"

Le celebrazioni torinesi per il Primo Maggio si sono svolte nella Sala Carpanini del Comune e con un megaschermo in piazza San Carlo

Le celebrazioni torinesi per il Primo Maggio si sono svolte nella Sala Carpanini del Comune e con un megaschermo in piazza San Carlo

"Che questo sia l'ultimo Primo Maggio trascorso in questa maniera: ripartire si può e speriamo che dal prossimo anno si torni alle vecchie abitudini". Così si è aperta la manifestazione che celebra la Festa dei Lavoratori all'interno della Sala Carpanini del Comune di Torino. Una formula "ridotta", proprio a causa della pandemia e delle restrizioni, ma che non sposta di un millimetro le difficoltà e le sfide che - anzi - questa crisi economico-sanitaria ha generato o amplificato. Accanto ai sindacati (Cgil, Cisl e Uil), anche la sindaca Chiara Appendino, l'assessore regionale Chiara Caucino e l'arcivescovo di Torino, Cesare Nosiglia.

Nosiglia: "I lavoratori partecipino alle scelte delle loro aziende"

C'è un problema sicurezza che persiste (come ricorda il minuto di silenzio osservato prima delle celebrazioni), che non è solo emanazione del Covid, ma non solo. "Ho vissuto da vicino alcune delle crisi più gravi del territorio - ha ricordato l'arcivescovo di Torino, monsignor Cesare Nosiglia - ed è mio dovere essere vicino a queste persone. La via Crucis che stanno vivendo i lavoratori di Embraco è solo la punta dell'iceberg: una crisi che ha forti ricadute personali e psicologiche, per le famiglie coinvolte". "Bisogna agire insieme, tutte le istituzioni civili e religiose, per dare forza alle forme concrete di solidarietà che stanno emergendo: serve uno scatto etico, su regole condivise per rimettere al centro dei rapporti di lavoro la persona, sia essa imprenditore o lavoratore. Dobbiamo lanciare una sfida civilizzando l'economia, consapevoli che lo sviluppo si realizza con la cooperazione che sostiene tutti i soggetti coinvolti. Un occhio di riguardo va riservato ai giovani e alle donne, che hanno pagato più degli altri la pandemia".[L'arcivescovo di Torino, Cesare Nosiglia]

E lancia la sfida: "I lavoratori devono partecipare delle decisioni e delle strategie dell'azienda per cui lavora e di cui contribuisce al successo. In questo, insieme a modelli di welfare e non solo, Torino può giocare un ruolo da pioniere a livello nazionale. Sono rimasto molto sorpreso, inoltre, che il coinvolgimento delle parti sociali, dei sindacati e dei lavoratori spesso avvenga a cose fatte o solo in maniera di facciata".

Appendino: "Mai come oggi la parola Festa sembra poco appropriata"

"Mai la parola Festa, dal dopoguerra a oggi è stata meno appropriata alla giornata di oggi - sottolinea il sindaco di Torino, Chiara Appendino -. Chi mi ascolta conosce molto meglio di me le difficoltà e non sempre le risposte che diamo sono all'altezza delle aspettative della comunità di cui facciamo parte. E ci sono fasce sociali, come le donne, che hanno sofferto più delle altre. Dobbiamo dare speranza con atti concreti: i fondi europei di Next generation Eu sono solo il primo passo. Ma è inutile illudersi di poter tornare alle dinamiche produttive di un tempo: i cambiamenti vanno governati, sfruttando le opportunità e limitando i rischi".
"Bisogna ripensare i modelli produttivi - continua Appendino -, ma anche quelli redistributivi, perché certi meccanismi non sono più sostenibili. Dobbiamo lasciare una comunità più unita, coesa e solidale di quanto non sia oggi".  


[La sindaca di Torino, Chiara Appendino]

"I lavoratori piemontesi meritano rispetto - aggiunge l'assessore regionale al Welfare, Chiara Caucino - e meritano ascolto, per quello che sta succedendo: nelle loro fabbriche e nelle loro case. L'avvicinarsi della fine di alcuni ammortizzatori sociali preoccupano non poco e tante famiglie cadono nella povertà. Stiamo facendo tutto il possibile per garantire la tenuta complessiva del tessuto sociale".

E il candidato sindaco, Paolo Damilano, ha affidato ai social il suo pensiero: "Il lavoro non ha colore. È un valore che tiene insieme i territori, le città, le comunità. In questo momento storico la creazione del lavoro è un passo fondamentale per ricostruire il tessuto economico e il tessuto sociale dopo questa guerra al Covid. “Nessuno deve restare indietro” è il comandamento che può e deve unire tutte le forze politiche. Chiunque scenda in campo per guidare la città o il territorio si deve impegnare per difendere il lavoro, per ricostruirlo, per dare speranza e concretezza.  Non devono esistere maggioranza e opposizione e neppure contrapposizioni ideologiche, tutti dovremo lavorare per creare e offrire lavoro alle giuste condizioni, con le tutele necessarie. Una sfida che unisce perché il lavoro non ha colore".

 

Massimiliano Sciullo

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium