/ Attualità

Che tempo fa

Cerca nel web

Attualità | 15 ottobre 2019, 21:21

Torino per golosi: tre ristoranti nella top 10 piemontese secondo l'Espresso

La nuova edizione della guida "I ristoranti e i vini d'Italia" premia Piazza Duomo di Alba, ma il capoluogo piazza il Combal zero di Rivoli, Del Cambio e Condividere con gli chef Scabin, Baronetto e Zanasi

Torino per golosi: tre ristoranti nella top 10 piemontese secondo l'Espresso

Davide Scabin, Matteo Baronetto e Federico Zanasi: ecco il tridente delle meraviglie che può schierare Torino (e dintorni) quando si parla di alta cucina e di ristoranti da favola. La conferma arriva dalla guida "I Ristoranti e i vini d'Italia", pubblicata nella sua nuova edizione da L'Espresso.

Una panoramica a 360 gradi sul meglio che si può trovare seduti a tavola in Italia: qui, a differenza dei cugini francesi, non ci sono le stelle ma i cappelli da cuoco. E sul gradino più alto di tutto il Piemonte si colloca "Piazza Duomo", di Alba, che vede ai fornelli Enrico Crippa. Per lui, addirittura 5 cappelli, risultato irraggiungibile per tutti gli altri componenti della graduatoria sabauda.

Si resta in provincia di Cuneo per il secondo posto: l'Antica Corona reale di Cervere, con Giampiero Vivalda a dettare la linea. Quindi ecco il Combal Zero di Scabin, a Rivoli, pochi passi al di fuori del confine della metropoli. Quattro cappelli per entrambi, ma con il ristorante rivolese che ne guadagna uno rispetto al passato.

Quattro cappelli anche per il celebre ristorante Del Cambio, che domina piazza Carignano e vanta Baronetto come chef. E medesimo risultato pure per La Madernassa di Guarene, con Michelangelo Mammoliti: anche in questo caso, c'è un cappello in più rispetto all'edizione precedente.
Chiude il club dei "quattro cappelli" Villa Crespi di Antonino Cannavacciuolo, a Orta San Giulio, nel Novarese.

Ancora Torino - e in particolare "Condividere" di Federico Zanasi, al settimo posto, con tre cappelli. Con lui anche "Al sorriso" di Luisa Valazza, prima tra le donne piemontesi, di Soriso, in provincia di Novara. E poi una doppietta cuneese: "All'enoteca" di Canale d'Alba (Davide Palluda) e "Guida nella villa reale" di Ugo Alciati a Serralunga d'Alba.

Fuori dalla top ten figurano Vercelli ("Christian e Manuel", di Christian e Manuel Costardi), ancora la Granda, con "Il centro" di Elide Mollo a Priocca e con "Osteria Arborina" di Andrea Ribaldone a La Morra. Quindi il "Piccolo lago" di Marco Sacco a Verbania e la "Locanda Sant'Uffizio" di Gabriele Boffa a Penango, primo rappresentante per la provincia di Asti.

Massimiliano Sciullo

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium