/ Cronaca

Che tempo fa

Cerca nel web

Cronaca | 24 settembre 2019, 08:42

Gassino, la casa occupata era diventata un magazzino per la droga: due persone in manette [FOTO e VIDEO]

All'interno dell'edificio, su segnalazione del legittimo proprietario, i carabinieri hanno trovato aree adibite alla conservazione e alla distribuzione di sostanze stupefacenti. E nei dintorni è stata individuata anche una piantagione di marijuana

Gassino, la casa occupata era diventata un magazzino per la droga: due persone in manette [FOTO e VIDEO]

La casa era occupata abusivamente. Ma non solo: al suo interno era stato realizzato un magazzino per custodire, nascondere e poi rivendere sostanze stupefacenti. La scoperta è stata fatta a Gassino Torinese dai carabinieri della compagnia di Chivasso, che nei dintorno dell'abitazione hanno individuato anche una piantagione di marijuana.

La scoperta è stata fatta domenica notte. In manette sono finite due persone di origini albanesi, di 27 e 36 anni, senza fissa dimora: per loro l'accusa è di produzione e detenzione di sostanze stupefacenti e furto aggravato di energia elettrica. I carabinieri sono intervenuti su richiesta del proprietario di una cascina, attualmente da lui non utilizzata, perché era stata occupata abusivamente da due persone.

Arrivati sul posto i militari hanno verificato la presenza di due albanesi che avevano occupato la casa per trasformarla in un magazzino per lo stoccaggio e la distribuzione della droga. Per poter lavorare anche di notte, i due trafficanti avevano creato un allaccio abusivo alla rete elettrica pubblica. La perquisizione ha permesso di recuperare oltre 6 chili di marijuana, una bilancia di precisione, materiale vario per la produzione e la coltivazione della marijuana, strumenti per l’essiccazione e il confezionamento e un telefono cellulare. Poco distante dalla casa, i carabinieri hanno individuato la piantagione realizzata in una zona boschiva.

redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium