/ Economia e lavoro

Che tempo fa

Cerca nel web

Accadeva un anno fa

Economia e lavoro | 10 giugno 2019, 07:00

Basket femminile: il mercato scoppiettante dell’Iren Fixi Torino

La voglia di riscattarsi dopo un’annata che non è andata secondo le previsioni c’è ed è anche molto evidente.

Basket femminile: il mercato scoppiettante dell’Iren Fixi Torino

La voglia di riscattarsi dopo un’annata che non è andata secondo le previsioni c’è ed è anche molto evidente. Stiamo parlando dell’Iren Fixi Torino, che vuole assolutamente provare a lottare per le prime posizioni nella prossima stagione, cercando di dare fastidio ai colossi dell’A1, come ad esempio Schio, Ragusa e Venezia. Qualcuno potrebbe addirittura scommettere sulla vittoria del campionato dopo il mercato scoppiettante che sta facendo la squadra torinese: dopo aver guardato le opinioni e recensioni di tutti i casino online legali italiani, puntare sulla quota scudetto dell’Iren Fixi potrebbe essere veramente una mossa remunerativa, tanto quanto rischiosa ovviamente.

Alexis Jennings, una lunga versatile e atletica

La squadra sta prendendo davvero forma, visto che le entrate a stelle e strisce sono state già sistemate. Infatti, la squadra torinese ha firmato non solo la guardia Moesha KInard, ma anche la numero 5 Alexis Jennings. Quest’ultima è andata a riempire la seconda casella delle extracomunitarie concesse a roster dalle regole della Legabasket. Secondo le intenzioni di coach Riga, quindi, Jennings dovrebbe essere la titolare sotto i tabelloni. Un metro e 91 centimetri, Jennings è in grado di abbinare molto bene una struttura fisica importante con tecnica e un buon tiro, con una pericolosità crescente avvicinandosi al ferro. Anche se, in realtà, Jennings ha nel suo bagaglio personale pure la possibilità di uscire dall’area e tirare dall’arco dei tre punti, rendendola una giocatrice estremamente imprevedibile e difficile da marcare per le lunghe avversarie. La sua carriera universitaria è stata notevole, visto che con la maglia di South Carolina ha avuto dei numeri veramente impressionanti, non solo a livello di punti e rimbalzi, ma anche per quanto riguarda le stoppate. A 23 anni ha davanti a sé un futuro roseo e sicuramente aspira a fare la differenza in Serie A1 femminile. 

Moesha Kinard, una macchina da punti in NCAA

Il primo tassello per le extracomunitarie, invece, è stato Moesha Kinard. Si tratta di una guardia di soli 22 anni, alta 175 cm, che arriva anch’essa da un percorso universitario, con la maglia della Lamar University. Una vera e propria macchina da punti, dal momento che è riuscita a iscrivere il suo nome nella storia dell’università, visto che nessun’altra atleta è riuscita a segnare così tanti punti da quando l’ateneo è stato fondato a oggi. Kinard, al tempo stesso, ha messo il suo marchio indelebile anche sulla storia della NCAA, dal momento che è entrata tra le cinque migliori marcatrici di tutti i tempi. Esemplificativo quanto avvenuto a novembre 2018 contro Denver, quando la Kinard è stata protagonista di una partita veramente strepitosa, mettendo a segno la bellezza di 58 punti, con addirittura 13 triple all’attivo. L’ultima annata è stata particolarmente positiva, terminata a oltre 21 punti e 5 rimbalzi di media a partita, con un’ottima percentuale anche dalla lunga distanza (35%). Insomma, una giocatrice davvero completa che, senza ombra di dubbio, farà le fortune dell’Iren Fixi Torino, dal momento che è in grado di garantire anche un impatto solido ed efficace in difesa, esaltandosi poi in campo aperto.

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium