/ chivassoggi.it

Che tempo fa

Cerca nel web

chivassoggi.it | 28 maggio 2019, 13:45

Il 2 giugno la biodiversità è in campo alla Fortezza di Verrua

L'evento è organizzato dall'associazione "La Rocca di Verrua Savoia" con Arpa Piemonte e Strada del Riso

La Rocca di Verrua

La Rocca di Verrua

Grazie alla collaborazione avviata dall’Ente di gestione delle Aree protette del Po torinese con Arpa Piemonte, domenica 2 giugno, all’interno della seconda edizione di"Biodiversità in campo", guardiaparco e esperti condurranno una passeggiata nella Riserva naturale della confluenza della Dora Baltea, inserita nel contesto della Riserva della Biosfera UNESCO CollinaPo, per un confronto con la biodiversità, le misure di conservazione e le buone pratiche di gestione del territorio.

La seconda edizione di "Biodiversità in campo" alla Fortezza di Verrua Savoia è organizzata dall’Associazione La Rocca di Verrua Savoia con ARPA Piemonte e Strada del Riso, per sensibilizzare i cittadini sull’agricoltura naturale di alto profilo in Piemonte e valorizzare l’opera di aziende agricole, enti di ricerca, enti di gestione delle aree protette ed associazioni impegnati nella tutela attiva degli agroecosistemi piemontesi.
L’iniziativa è inclusiva di tutte le tipologie colturali e di tutti gli ambiti regionali e intende creare una rete territoriale di operatori agricoli che si riconoscono nei temi della salvaguardia della natura, dello sviluppo sostenibile e del turismo verde ed è inserita nel programma regionale della “Settimana della Scienza”.

La manifestazione accoglierà stand didattici a cura di associazioni, istituti di ricerca e enti pubblici sui temi della salvaguardia del patrimonio naturalistico e della biodiversità e momenti di animazione con musiche e danze tradizionali monferrine; l’Università di Torino curerà un laboratorio su farfalle e agricoltura.

Dedicati in modo particolare al cibo le degustazioni di prodotti di riconosciuta qualità e ottenuti con metodi naturali, la passeggiata-corso per il riconoscimento delle erbe selvatiche commestibili guidata da un esperto e l’intermezzo gastronomico preparato da chef che interpreterà diverse tradizioni etniche basate sul riso con una scelta di ingredienti forniti da produttori sensibili ai temi della biodiversità. 
Informazioni: 328 9265241 o 335 275997.

Programma completo:

Ore 9.30 camminata nella Riserva Naturale della confluenza della Dora Baltea; ritrovo presso l’area parcheggio “Stagno degli aironi”, via Tre Po a Cavagnolo.

Ore 9.45-11.00 si raggiungerà la riva del Po passando per stagni con osservatori per avifauna, radure e boschi con brevi interventi esplicativi sui seguenti temi: 
-    interazione tra la fauna selvatica, l’agricoltura e le aree protette a cura del botanico Franco Correggia, creazione di zone umide in aree degradate perifluviali per attirare avifauna e anfibi a cura di Attilio Alessio, Centro Cultura Naturalistica del Parco faunistico “Il Bric” di Montiglio; 
-    monitoraggio degli habitat fluviali e didattica della biodiversità a cura di Enrico Rivella e di Mariangela Carpenzano, ARPA Piemonte; 
-    ruolo di un ente parco nella gestione habitat a cura di Monica Pogliano, guardiaparco Aree protette del Po torinese.
-    Osservazione delle farfalle a cura di Simona Bonelli, Università di Torino.

Ore 11.30 "Fiori d'inverno": sul greto del Po Andrea Solari e Filippo Tosi eseguiranno due brani musicali ispirati al romanzo "Il linguaggio degli immuni" di Andrea Solari. Una breve lettura di introduzione per chiedere alla natura di pensare ancora in positivo.

Ore 15 Fortezza di Verrua Savoia, spazio dibattiti: intervista a risicoltori e tecnici di varia estrazione sul tema "Riso e biodiversità: una convivenza possibile?". Si parlerà di metodi di coltivazione, buone pratiche per reintrodurre la biodiversità in risaia, pagamenti dei servizi ecosistemici, creazione di un legame tra il valore della produzione di riso e il valore del territorio che la esprime.

La collaborazione tra Ente di gestione delle Aree protette del Po torinese e ARPA Piemonte prevede anche altre attività tra cui l’evento che si è svolto il 13 maggio al museo "Teatro del Paesaggio" del Castello di Magliano Alfieri (CN), organizzato in collaborazione con Ispra e GAL Langhe e Roero, sul cicloturismo nelle aree Natura 2000 - progetto Life Sic2Sic https://lifesic2sic.eu/ e sui collegamenti escursionistici tra il Parco Paleontologico Astigiano e le Aree protette del Po torinese. Inoltre, in occasione della giornata mondiale della biodiversità del 22 maggio, assieme all’Ente gestione delle Aree protette del Po vercellese-alessandrino, all’Università di Torino (DBIOS), al Centro di riproduzione Emys di Livorno Ferraris e al Centro di Cultura Naturalistica, con il supporto di LIPU e Legambiente circolo di Vercelli, è stata offerta una giornata di visita con osservazioni naturalistiche in campo animate dalle note del progetto educativo “Musica d'Ambiente”ai 120 studenti dell’Istituto didattico di Crescentino.


Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium