/ Cronaca

Che tempo fa

Cerca nel web

Accadeva un anno fa

Cronaca | 10 aprile 2019, 19:23

Chivasso: il prof lo rimprovera, lui gli dà un pugno. Pentenero: "La scuola dia subito una punizione esemplare"

Il ragazzo ora rischia una lunga sospensione. L'assessora all'Istruzione: "E' incredibile constatare le difficoltà che incontrano gli insegnanti nel vedere riconosciuta la propria autorevolezza". Il prof guarirà in 15 giorni

Chivasso: il prof lo rimprovera, lui gli dà un pugno. Pentenero: "La scuola dia subito una punizione esemplare"

 

Rischia una lunga sospensione il ragazzo che lunedì, nella succursale di Chivasso dell'istituto Agrario "Carlo Ubertino" di Caluso, ha colpito un suo insegnante con un pugno, proprio davanti agli occhi dei suoi genitori.

Il prof, un insegnante di sostegno di 25 anni, è caduto dopo aver barcollato per qualche metro e ha colpito la testa su una porta. Trasportato in ospedale a Chivasso, si riprenderà in 15 giorni. Il ragazzo, invece, un quindicenne che frequenta una palestra di kickboxing, sarà invece sottoposto ora al Consiglio di istituto che deciderà la sua punizione. A scatenare la sua ira era stata la decisione dell'insegnante di convocare i suoi genitori, proprio per parlare del suo carattere rissoso, in seguito a un altro episodio violento avvenuto qualche giorno prima nei confronti di un coetaneo di un'altra classe.

Per l’assessora all’Istruzione della Regione Piemonte, Gianna Pentenero, quanto accaduto "è estremamente grave". L’assessora spiega che spetterà agli organi preposti, naturalmente, fare le verifiche necessarie, ma "il racconto del professore e del preside dell’Istituto lascia senza parole". "E' incredibile - commenta Pentenero - dover constatare le difficoltà che incontrano gli insegnanti nel vedere riconosciuta la propria autorevolezza e funzione educativa, con un ribaltamento di ruoli che sfocia nel ricorso, inaccettabile, alla violenza".

 

redazione

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium