/ Attualità

Che tempo fa

Cerca nel web

Accadeva un anno fa

Attualità | 17 gennaio 2019, 11:29

Nuovo Ufficio Mobile per i "Civic"

Consentirà di migliorare sicurezza e controllo del territorio

Nuovo Ufficio Mobile per i "Civic"

Negli ultimi tre anni la Polizia Municipale di Chivasso ha quasi completamente rinnovato il suo parco mezzi, sostituendo i vecchi modelli in dotazione con altrettanti nuovi e compatibili con le direttive in tema ambientale. Un tema caldeggiato dall’Amministrazione del Sindaco Claudio Castello.

L’ultimo arrivato è un modernissimo Ufficio Mobile, un Ducato con motorizzazione 2300 cc, Euro 6, dotato di catalizzatore con additivo Adblue e base di urea per ridurre ulteriormente gli inquinanti, considerando che il veicolo avrà un uso intenso anche all’interno della città.

“Con l'acquisizione di questo nuovo veicolo, andiamo ad implementare la dotazione della Polizia Municipale, fornendo un valido sostegno per tutte le attività legate al miglioramento della sicurezza e del controllo del territorio – ha detto il Sindaco Claudio Castello in occasione della presentazione del mezzo, avvenuta mercoledì 16 gennaio -. Grazie alle nuove tecnologie di cui è dotato il veicolo, questo Ufficio Mobile è in costante collegamento con la Centrale, permettendo la tempestività degli interventi”.

“La scelta di dotarsi di un nuovo mezzo da parte della Polizia Municipale è stata improntata dalla necessità di poter garantire un servizio ottimale alla cittadinanza, sia nell’impiego ordinario di tale veicolo e sia per tutti quei servizi di emergenza e soccorso nel quale l’utilità di un veicolo adibito ad ufficio supera di gran lunga un qualsiasi altro veicolo in quanto a praticità di uso, funzionalità operativa, base per gli operatori impegnati”, ha aggiunto il Comandante della Polizia Municipale, Michele Cassano.

La scelta di un mezzo di questo genere, all’avanguardia anche sotto l’aspetto della sicurezza degli operatori che ne faranno l’utilizzo pratico per la città, è apparsa la più idonea per portare la Polizia Locale in maniera più continua anche in quelle zone del territorio comunale, come per esempio le frazioni, dove la presenza dei “Civic” è meno frequente: il nuovo Ufficio Mobile consentirà ai cittadini di interagire direttamente con la Polizia Locale per le loro segnalazioni, le loro denunce ed anche per rappresentare soluzioni ai problemi rilevati negli spazi pubblici.

“Lo scopo – ha concluso il Comandante Cassano - è quello di essere più prossimi ai cittadini, di fortificare la loro percezione di sicurezza, anche attraverso la presenza di agenti in divisa nei luoghi di aggregazione”.

Ecco una descrizione tecnica dell’Ufficio Mobile: esso è diviso in due vani autonomi e ben distinti, uno posto immediatamente dietro al conducente e più propriamente il cosiddetto “vano ufficio” accessibile dal portellone laterale munito di pedana e l’altro accessibile dalla doppia porta posteriore, il cosiddetto “vano tecnico”, dotato di una serie di attrezzature idonee per gli interventi di emergenza – rilievi sinistri stradali. Nel vano ufficio si trovano un tavolo con posto operatore, stampante e pc il tutto collegato con una rete wi-fi proprietaria del veicolo stesso e cassetti vari; nella parte posteriore sono allocate boe luminose con cartello fisso indicante incidente, cartelli calamitati da sovrapporre a questi, coni in gomma, rotella metrica – bombolette spray – segnapunti per rilievi – cartelli stradali pieghevoli – nastri bianchi e rossi per delimitazioni aree a rischio, attrezzi per il veicolo o per emergenze, cavi traino per batteria e non ultimo, un defibrillatore.

A breve, infatti, il personale frequenterà un corso per l'utilizzo del dispositivo salvavita. Tutto l’esterno del veicolo è poi dotato, così come da norma regionale, di bande rifrangenti integrate dalle scritte previste e su ogni porta sono state applicate bande di ingombro. Sulle porte anteriori e sui battenti posteriori risultano altresì installati lampeggianti che, unitamente alle luci bianche fisse sull’esterno del veicolo consentono a tutti gli utenti della strada una piena visibilità del veicolo e degli operatori che vi lavorano nei pressi, garantendo così una valida protezione attiva del personale.

L’acquisto e l’allestimento del veicolo (con una spesa di circa 70 mila euro) sono stati finanziati, così come consente la Legge, con i fondi prestabiliti dall’art. 208 Codice della Strada, derivanti dai proventi delle sanzioni amministrative accertate nell’anno precedente, procedendo così alla sostituzione del vecchio Ufficio Mobile.



c.s.

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium