/ Cronaca

Che tempo fa

Cerca nel web

Cronaca | martedì 30 ottobre 2018, 14:45

Chivasso conta i danni della tromba d'aria

Si è abbattuta sulla città alle 18.30 di ieri sera, causando diversi danni

Chivasso conta i danni della tromba d'aria

Chivasso fa la conta dei danni, dopo il nubifragio e la tromba d'aria che nel tardo pomeriggio di ieri si sono abbattuti sulla città.

Dopo le intense piogge della mattinata, nel pomeriggio di ieri le nuvole si sono addensate minacciose e poco dopo le 18 è iniziato un fortissimo temporale con lampi e tuoni che è culminato con la tromba d'aria che intorno alle 18.30 si è abbattuta sulla città.

A fare il punto della situazione è stato l'Assessore ai Lavori Pubblici, Domenico Barengo, che ieri, fino a tarda sera, ha perlustrato soprattutto la zona di Chivasso Est, dove all'altezza delle “Case Fanfani” si è di nuovo formato un torrente che si è riversato su corso Galileo Ferraris, così come era già accaduto alla fine di luglio.

“Ho subito parlato con i responsabili dei Consorzi irrigui per valutare se ci fossero delle ostruzioni nelle rogge ed eventualmente rimuoverle – ha spiegato Barengo -, soprattutto in vista di un nuovo peggioramento del tempo previsto per domani. L'altro punto critico è stata via Borla, dove un faggio è precipitato su un camper. Invece, in piazzale Gerbido un pino è caduto sulla biglietteria della piscina comunale”.

Una decina circa sono state le piante che, in città, hanno subito dei danni, mentre nei parchi cittadini si è presentata un situazione diversa: “Oggi è stato chiuso il Parco del Mauriziano per consentire le operazioni di pulizia dei rami spezzati e altri ostacoli, - ha proseguito Barengo -, ma la situazione peggiore la stiamo registrando al Parco del Bricel, un vero disastro, con una trentina di alberi sradicati o spezzati a metà”.

Sempre in città, inoltre, va segnalato il crollo di un pannello di copertura della caserma dei Carabinieri, precipitato in strada.

a.s.

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore