/ Eventi

Che tempo fa

Cerca nel web

Eventi | lunedì 22 ottobre 2018, 10:34

Concorso internazionale di Musica da camera Luigi Nono per la prima volta a Settimo

Appuntamento il 26, 27 e 28 ottobre

Concorso internazionale di Musica da camera Luigi Nono per la prima volta a Settimo

Tutto è pronto per la ventiduesima edizione del Concorso internazionale di Musica da Camera Luigi Nono, che si tiene nei giorni 26, 27 e 28 ottobre presso il teatro “La Suoneria – Casa

della Musica” di Settimo Torinese.

Il concorso si articola in due categorie: Musica da Camera – che include qualunque formazione dal duo all'ottetto con al massimo un pianoforte nell'organico – e Solisti di qualunque strumento, compreso il pianoforte, eventualmente anche accompagnati.

La Commissione giudicante internazionale è presieduta da Luca Antignani (Italia), cui si affiancano come componenti della giuria Agustin Charles Soler, (Spagna), Attilio Piovano (Italia), Ellis Cranitch (Irlanda), Carlo Pezzati (Italia), Marco Jorino (Italia), Pier Giorgio Cargnino, (Italia).

I numeri degli iscritti: tanti stranieri

I partecipanti saranno in totale 86, tra i 21 solisti e i 65 suddivisi nei 24 in gruppi (15 Duo; 2 Trio; 6 Quartetti; 1 Quintetto). I 34 stranieri rappresentano il 40% complessivo dei concorrenti, con maggiori presenze di Spagna (7), Francia (5), Corea del Sud (4), Taiwan (3), Germania (3) e uno per ogni Paese da Canada, Cile, Giappone, Israele, Lettonia, Malesia, Messico, Moldavia, Norvegia, Romania, Serbia, Venezuela. Gli italiani sono 42, di cui 38 in gruppi e 14 solisti.

Gli strumenti più frequenti in gara tra i Solisti sono violino (5), violoncello (4), flauto (3), pianoforte (3), mentre più articolata è la situazione nella sezione Musica da Camera, con classici abbinamenti di archi o con pianoforte, accanto a ensemble di sassofoni o di percussioni e ad accostamenti meno usuali come fisarmonica e pianoforte o flauto e chitarra.

Più che nelle edizioni passate il Concorso afferma la propria connotazione internazionale, con concorrenti che quest’anno arrivano – letteralmente – sin dalla parte opposta del mondo: Australia (una sedicenne), Taiwan, Canada, Sud Corea (ma residenti negli Stati Uniti). Il trio composto da un serbo, un cileno, un sudcoreano è inoltre stato recentemente definito "Il Trio dei 3 continenti".

Al già ricco panorama di nazioni storicamente presenti al Concorso si aggiungono quest’anno per la prima volta concorrenti da Spagna (che è anche il Paese più rappresentato in questa edizione i suoi 7 iscritti), Serbia, Cile, Norvegia, Canada, Israele.

Anche i giovani compositori

Al Concorso per giovani esecutori si affianca il Premio di composizione Luigi Nono, riservato a compositori contemporanei con meno di 40 anni.

Gli iscritti alla quinta edizione sono stati 51, una cifra record per la competizione. Sono per più del 70% stranieri, a conferma della vocazione tutta internazionale del Premio e ancora in crescita rispetto alle passate edizioni. Quindici sono gli italiani, mentre gli altri sono originari di: Stati Uniti (10, di cui 1 nata in Corea, 2 in Cina, 1 a Hong Kong), Germania (5 di cui 2 nati in Giappone, 1 in Cina, 1 in Cile, Regno Unito (4, di cui 1 di origini arabe), Giappone (2), Canada (2 di cui 1 nato in Cina), Francia (2, di cui uno nato in Giappone), Spagna (2), ed uno per ciascun Paese da Cina, Iran, Turchia, Corea, Portogallo, Bielorussia, Russia, Argentina e Olanda (ma nato in Norvegia).

I loro anni di nascita vanno dal 1978 (al limite della possibilità di partecipazione) al 2000 (tre concorrenti), con annate più rappresentate il 1991 (7 iscritti) e 1989 (6 scritti).

La Commissione giudicante internazionale è qui costituita da tre compositori e docenti: Luca Antignani (Italia), Alberto E. Colla (Italia), Edith Canat de Chizy (Francia).

La soddisfazione degli organizzatori

A inscrizioni chiuse, gli organizzatori sono molto soddisfatti. Commenta il presidente dell’Associazione Amici per la Musica, Pier Giorgio Cargnino: «L'edizione 2018 del Concorso Luigi Nono si apre sotto i migliori auspici. A partecipare sono 45 tra Solisti e gruppi, con concorrenti provenienti da più di 15 Paesi, tra cui Australia, Canada e Sud America, che dimostrano l'internazionalità e la grande risonanza del Concorso. La Suoneria di Settimo è pronta ad accogliere quella che sarà senz'altro una splendida tre giorni di grande musica».

La città Settimo Torinese ospita quest’anno per la prima volta il prestigioso Concorso. Commenta Aldo Corgiat, presidente della Fondazione ECM, che patrocina il Concorso: «Siamo molto lieti di ospitare a Settimo Torinese un evento prestigioso e internazionale come il Concorso Luigi Nono. Un concorso ormai consolidato nel panorama della musica colta, giunto ormai alla sua ventiduesima edizione e che l’anno scorso ha visto competere oltre 50 musicisti, la maggior parte proveniente dall’estero.» E prosegue: «È certamente un'occasione di promozione e valorizzazione del nostro territorio oltre che la naturale evoluzione della collaborazione che da oltre un anno abbiamo avviato con l’Associazione Amici Per la Musica, organizzatrice del concorso. Oltre alla loro lezione di musica dedicata all'acqua e tenuta in Suoneria l'anno scorso, ci teniamo a ricordare la rassegna di talenti che si sono esibiti presso l'Ospedale Civico di Settimo, con buona partecipazione di pubblico, che ha regalato ai pazienti ospiti qualche ora di ottima musica.»

Il calendario del Concorso, anche per il pubblico

Questo il calendario. Venerdì 26 e sabato 27, in due sessioni, al mattino e al pomeriggio, si svolgono le prove eliminatorie, durante le quali tutti i partecipanti si esibiscono su un programma a scelta. Nella giornata di domenica 28 ottobre, un massimo di otto solisti e otto gruppi vengono riascoltati nelle prove finali, su un programma diverso da quello presentato in precedenza. Dopo le 17 di domenica si ha la proclamazione dei vincitori.

Gran finale, ancora alla Suoneria di Settimo, alle 21 con il concerto dei Premiati che tornano sul palco per ricevere loro riconoscimenti e suonare davanti al pubblico. Durante le premiazioni di domenica viene anche proclamato il vincitore del Premio internazionale di Composizione.

Tutte le fasi della manifestazione – incluso il concerto finale – sono gratuitamente aperte al pubblico sino a esaurimento dei posti disponibili.

Per i vincitori

Ad essere premiati sono i primi tre solisti e i primi tre gruppi di ciascuna categoria, mentre sono comuni alle due categorie il Premio speciale Giovani, attribuito al/alla musicista di maggior talento sotto i 20 anni, il Premio speciale SMAT “La Musica e l’Acqua”, per la migliore esecuzione di un brano ispirato all’acqua o che la evoca, e il Premio Novecento, assegnato al miglior esecutore di un brano di musica contemporanea. Al solista o al gruppo cui verrà attribuito il Premio Novecento spetterà anche eseguire nella stagione successiva un brano inedito composto appositamente dal vincitore del Premio di Composizione.

Il premio per i per i primi classificati del Luigi Nono comprende anche la possibilità d’esibirsi nelle future stagioni dell’Associazione Amici per la Musica e in altre prestigiose sedi concertistiche italiane. 

c.s.

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore