/ Politica

Che tempo fa

Cerca nel web

Politica | lunedì 06 agosto 2018, 15:38

Doria: "La nuova autopompa dei Vigili del Fuoco finalmente a Chivasso"

Sbloccato il braccio di ferro con il ministero che durava da mesi e aveva "bloccato" il mezzo acquistato con i soldi dei chivassesi e dei Comuni limitrofi.

Doria: "La nuova autopompa dei Vigili del Fuoco finalmente a Chivasso"

Si è finalmente sbloccata la complicata vicenda del nuovo mezzo dei Vigili del Fuoco di Chivasso, acquistato grazie ai fondi raccolti attraverso il Comune di Chivasso e i Comuni del circondario, ad alcuni sponsor e alle donazioni di molti cittadini. Il mezzo di ultima generazione, super attrezzato, era stato presentato e consegnato già alcuni mesi orsono ma, inghippi burocratici, ne avevano impedito, finora, l'utilizzo. Ma andiamo con ordine: attraverso la raccolta fondi sono stati racimolati, per il Circolo Santa Barbara di Chivasso, i 235mila euro necessari per l'acquisto del mezzo, avvenuto nel giugno 2017. A dicembre, la consegna e la presentazione ufficiale alla cittadinanza. Tuttavia, per motivi burocratici, il mezzo è stato intestato al Ministero dell'Interno e, contestualmente, si sarebbe dovuta firmare una convenzione che dislocasse il mezzo presso il distaccamento dei Vigili del Fuoco di Chivasso. Ciò non è avvenuto e le proteste, anche da parte politica, non hanno tardato ad arrivare, anche attraverso un ordine del giorno al Consiglio comunale di Chivasso, presentato dal gruppo Amo Chivasso e le sue Frazioni. Proprio il capogruppo, Matteo Doria, annuncia la svolta della vicenda, avvenuta il 27 luglio scorso, quando l'autopompa è arrivata al distaccamento “Francesco Petratto” dei Vigili del Fuoco Volontari di Chivasso.

"Con il comando dei vigili del fuoco di Torino è stata finalmente firmata la convenzione che ha dislocato l'autopompa a Chivasso", spiega Doria, presente all'incontro avvenuto lunedì 23 luglio a Torino, insieme al sindaco Claudio Castello, al comandante provinciale e al parlamentare Carlo Giacometto.

"Sono bastati 15 giorni per sbloccare la situazione - aggiunge Doria - che da sette mesi si era trasformata in un vero e proprio braccio di ferro con il ministero. Ho inviato una lettera al sottosegretario all'Interno e della problematica se n'è interessato il parlamentare Alberto Cirio, mentre Carlo Giacometto svolgeva un lavoro di diplomazia con in Comando provinciale".

Domenica 29, il Sindaco Claudio Castello, insieme ad una rappresentanza dell'Amministrazione comunale, ha visitato il Distaccamento, mentre durante la seduta del Consiglio comunale di lunedì 30, ha ricordato che durante il mandato del sindaco Libero Ciuffreda, il Comune aveva deciso uno stanziamento di 70 mila euro, che sono andati ad aggiungersi alle numerose donazioni, e di aziende e di privati, tutti partecipi pur di dotare il distaccamento di un mezzo in grado di garantire sicurezza al territorio.

Immatricolato in questi giorni dal Ministero dell'interno, il mezzo è stato allestito in un centro specializzato di Brescia, raggiungendo un costo conclusivo di circa 240 mila euro.

Con orgoglio, il sindaco Castello ha annunciato che in Italia esistono soltanto tre mezzi (sperimentali e uno è proprio quello di Chivasso) con una dotazione così particolare.

 

 

Flavio Giuliano

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore