/ Cronaca

Che tempo fa

Cerca nel web

Accadeva un anno fa

Cronaca | 18 giugno 2018, 17:07

"Una campagna che urta la sensibilità dei bambini e dei cittadini"

L'assessore alle Politiche sociali Claudio Moretti annuncia una verifica sulla compatibilità con i regolamenti comunali dei manifesti anti-aborto e della "vela" che per alcuni giorni ha girato in città

"Una campagna che urta la sensibilità dei bambini e dei cittadini"

La campagna pubblicitaria del Movimento per la Vita e del Centro di aiuto alla Vita hanno sollevato numerose critiche, non solo da parte del fronte di tutela della Legge 194, ma anche da parte di persone che si sono sentite urtate dal tipo di linguaggio usato per la comunicazione.

In particolare il manifesto-vela affisso su un camion che alcuni giorni fa ha girato per le vie del centro, ha suscitato un'ondata di indignazione: “Tu sei qui perchè papà e mamma non ti hanno abortito” è la frase scritta sotto la gigantografia di un feto di 11 settimane, un messaggio ed una campagna pubblicitaria esplicitamente rivolti ai bambini. Ma i bambini non hanno gli strumenti cognitivi ed intellettuali necessari a comprendere questo messaggio che potrebbe essere letto senza la presenza di un adulto e quindi di un necessario filtro. Nella foga di difendere i diritti dei bambini che non vengono fatti nascere, forse i vari movimenti per la vita hanno dimenticato i diritti di quelli che, invece, sono nati, ed hanno tutti i diritti ad essere tutelati da messaggi violenti ed aggressivi che non sono in grado di comprendere. Alcuni genitori hanno anche inviato segnalazione dell'accaduto al Garante dei diritti per l'Infanzia.


Sollecitata così da diverse segnalazioni, l'Amministrazione comunale – ha riferito l'Assessore alle Politiche sociali, il dottor Caludio Moretti - ha avviato un approfondimento da parte degli uffici competenti, per verificare se questa forma di comunicazione sia in contrasto con i regolamenti comunali, anticipando comunque un atteggiamento di contrarietà verso una campagna che può urtare la sensibilità dei cittadini e dei bambini.

Annarita Scalvenzo

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium